nuova scoperta sul virus Dengue

Il virus Dengue – endemico in vari paesi in America e Asia e responsabile di numerosi casi ‘importati’ di infezione in Europa e in Italia – si potrebbe trasmettere anche per via sessuale. Lo dimostra, per la prima volta, uno studio dell’Istituto nazionale per le malattie infettive (Inmi) Spallanzani, che ha rilevato la presenza del virus nel liquido seminale di un italiano guarito da una recente infezione e appena rientrato da un viaggio in Thailandia. Lo studio è pubblicato su Eurosurveillance e dimostra per la prima volta la presenza del virus nel liquido seminale di un uomo guarito da una recente infezione da Dengue.

I ricercatori hanno dimostrato che il virus persiste in attiva replicazione nel liquido seminale ed in particolare nella sua frazione cellulare fino a 37 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. I test sono stati eseguiti presso il laboratorio di virologia dell’Istituto mediante tecniche di biologia molecolare su un uomo di 50 anni che nel gennaio 2018 è tornato dalla Thailandia in Italia dopo 9 giorni dalla diagnosi di infezione da virus Dengue.

La febbre dengue (si pronuncia “denghe”) è una malattia virale tropicale e sub-tropicale trasmessa dalle zanzare; è diffusa principalmente nel sud-est asiatico e delle isole occidentali del Pacifico, ma si sta rapidamente diffondendo anche in Africa e nell’America del Sud. Si può manifestare in due forme diverse, caratterizzate da differente gravità.

In un caso si presenta con febbre alta, eruzioni cutanee simili al morbillo e dolori diffusi,
mentre quando viene contratta la forma emorragica il paziente presenza gravi sanguinamenti che possono essere causa di caduta di pressione arteriosa e conseguente shock. Non esiste ad oggi vaccino, ma il paziente che sopravvive acquisisce immunità a vita verso quello specifico ceppo virale e temporanea verso gli altri. La maggior parte dei pazienti colpiti si riprende senza problemi, mentre si stima una mortalità dell’1–5% in assenza di terapia e inferiore all’1% nel caso di terapie adeguate.

© Riproduzione Riservata

Commenti