l'ex club del forestiero

Nel futuro dell’ex Circolo del Forestiero esce di scena Taormina Arte, a cui è stato conferito il palazzo dell’ex pretura, e adesso potrebbe invece esserci la The Key. La società che si occupa dei servizi di biglietteria ed accoglienza al Teatro Antico di Taormina, sarebbe infatti interessata all’edificio di proprietà del Comune di Taormina, in disuso da ormai un ventennio. L’ex Circolo del Forestiero era finito nell’orbita di TaoArte per la dotazione patrimoniale della costituenda Fondazione e proprio nella seduta che ha poi portato al conferimento dell’ex pretura, era stata proposta da quattro consiglieri comunali l’assegnazione a TaoArte dell’immobile sito sotto la piazza IX Aprile ma tale emendamento è stato poi bocciato.

E adesso l’ex Circolo del Forestiero sembra avere il gradimento della società The Key, e l’argomento sarebbe già stato discusso nel corso di alcuni contatti con il Comune di Taormina. L’interesse sarebbe finalizzato ad una rivalutazione e valorizzazione del bene, che dalla metà degli Anni Novanta è in stato di abbandono e degrado, ad oggi inutilizzato e necessitante di opere di ristrutturazione. Stando ad alcune stime fatte da Palazzo dei Giurati servirebbero circa 500 mila euro per riqualificare l’immobile e renderlo nuovamente fruibile. Una somma che in caso di assegnazione alla Fondazione Taormina Arte, in sostanza, sarebbe toccato alla Regione stanziare per porre rimedio al ventennio di disuso dell’edificio. Adesso si è aperta una nuova possibilità, più di un semplice sondaggio ed anzi un interesse concreto. Ad ogni modo la decisione sul destino dell’ex Circolo del Forestiero spetterà quasi certamente alla futura Amministrazione comunale visto che manca soltanto un mese e mezzo al voto del 10 giugno.

The Key, intanto, è pronta anche ad impegnarsi nel contesto dei beni del Parco di Naxos-Taormina, nell’ambito di un modello operativo di partenariato tra il Parco, la società stessa e l’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, per la valorizzazione dei siti archeologici delle due località del primo polo turistico siciliano. La The Key si è resa disponibile a fornire l’assistenza tecnica e progettuale per alcuni interventi-chiave nel Parco. Interventi che interesseranno non solo il Teatro Antico e l’area archeologica di Naxos, ma anche Isolabella, Villa Caronia e Francavilla di Sicilia. Il progetto integrato per i siti culturali del Parco prevede una serie di azioni che vano dalla realizzazione di una nuova segnaletica all’apertura di nuovi punti d’ingresso, dall’uniformazione degli arredi all’organizzazione di nuove forme ed esperienze di visita. La stima del costo di progettazione degli interventi, fino al livello esecutivo, è di circa 350.000 euro, che possono produrre un volàno per opere di un valore stimato di 5 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti