il progetto vincitore a cura di Antonella Bartolotta

E’ il progetto presentato da Antonella Bartolotta l’elaborato giudicato vincitore del concorso di idee indetto da Asm Taormina per coprire l’area di transito SS114- Mazzarò. L’iter pubblico, che si è rivolto a professionisti iscritti all’albo di Asm, ha riguardato un concorso di idee per procedere alla copertura dell’area di collegamento della stazione tra la strada statale SS114 e il piazzale della funivia di Mazzarò, all’altezza dell’area di passaggio che costeggia la stazione di valle dell’impianto funiviario (all’imbocco della via Nazionale). Sono pervenuti due progetti ad Asm, uno a cura di Antonella Bartolotta e l’altro invece trasmesso da Fabrizio Russo e tra i due il primo è stato giudicato quello vincitore del concorso, con relativo premio previsto da Asm per l’idea più meritevole di 2 mila euro. L’obiettivo, insomma, è quello di approntare in prospettiva un sistema di pensiline che rendano coperta e più ospitale per l’utenza l’area di collegamento tra la strada statale 114 e la vecchia stazione della funivia e quindi tra la vecchia stazione e la nuova.

Lo studio proposto tiene conto delle caratteristiche paesaggistiche e architettoniche che dovrebbe avere, in ogni caso, l’elemento di copertura, che dovrà prestare particolare attenzione alle esigenze di rispetto delle peculiarità ambientali ed estetiche nella zona a mare.

La copertura dovrà essere improntata a criteri di agile manutenzione e smontaggio, assicurando il riparo dal sole e dalla pioggia dei passeggeri in transito, sia della funivia che dei trasporti urbani, ma anche una migliore fruizione dei servizi e delle informazioni sul territorio, con implementazione di spazi pubblicitari vendibili. Il nuovo layout punta ad un utilizzo ottimale dello spazio a verde di contorno e intende rappresentare un elemento di pregio per tutta l’area visitata da circa Un milione di persone all’anno. Basti pensare che nel 2017 la funivia ha fatto registrare il dato record di 987 mila passaggi nelle cabine che collegano il centro alla zona a mare.

© Riproduzione Riservata

Commenti