una serata del Taormina Film Fest

Il Giudice delle Esecuzioni sblocca il marchio del Taormina Film Fest che era stato pignorato lo scorso anno da Videobank per un credito di 350 mila euro vantato nei confronti di TaoArte. La società etnea ha dato di recente il proprio ok per liberare il marchio, dopo aver ricevuto una proposta di pagamento rateizzato delle somme.

“La società Videobank – rende noto il general manager di Videobank, Lino Chiechio – ha mantenuto gli impegni che aveva preso con l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo e, dopo aver fatto istanza al giudice delle esecuzioni di liberare il Logo del Taormina Filmfest pignorato per il credito nei confronti di Taormina Arte, oggi (ieri 26 aprile, ndr) è arrivata la comunicazione con la quale viene autorizzato l’utilizzo del logo e quindi si può procedere, come Videobank ha sempre auspicato, alla preparazione e all’organizzazione del festival del cinema”.

“Si conclude così una vicenda astiosa nella quale Videobank è stata trascinata senza volerlo – ha aggiunto Chiechio – ma che ha poi accettato ben volentieri le proposte avanzate dall’assessore regionale per una soluzione pacifica della vicenda. Allo stesso tempo Videobank, dopo aver rispettato i propri impegni, è certa che anche la Regione Siciliana farà lo stesso per quanto riguarda la sua parte”.

© Riproduzione Riservata

Commenti