Taormina, parcheggio Porta Catania
Taormina, parcheggio Porta Catania

Comune di Taormina e Salini Impregilo proseguono la battaglia per il lodo parcheggi e arriva una nuova azione di forza del colosso delle costruzioni. L’impresa milanese che ha realizzato a suo tempo il sistema di viabilità e parcheggi nella località ionica sta provando a stringere i tempi per ottenere quanto reclamato nei confronti dell’ente locale. A ridare vigore e slancio alle richieste di Impregilo, nell’ambito di uno scontro ormai ventennale, è stata la recente sentenza della Corte d’Appello di Messina che ha dato ragione alla multinazionale delle costruzioni.

L’Ufficiale giudiziario si è così presentato nelle scorse ore presso gli uffici di Palazzo dei Giurati per protocollare un’istanza di precetto da 28 milioni e 712 mila euro che richiama gli effetti di un decreto ingiuntivo, diventato provvisoriamente esecutivo. Il decreto in questione risale al 2007 e poi nel 2010 il Comune era riuscito a bloccarne gli effetti in sede di Cassazione con un ricorso allora accolto dalla Corte Suprema, che aveva stoppato la richiesta (in quel caso da 23 milioni di euro) e rimandato tutto ad un nuovo processo in sede di Corte d’Appello. Adesso la Corte d’Appello di Messina ha accolto l’istanza di Impregilo e tutto è tornato in discussione, con l’inerzia della battaglia legale che si è ancora una volta spostata dalla parte della società milanese.

In sostanza, Impregilo vuole ottenere quanto aveva già richiesto a suo tempo, forte delle sentenze di primo e secondo grado che le avevano dato ragione, unitamente al recente pronunciamento del tribunale di Messina, e ha cosi reclamato la somma comprensiva di interessi e rivalutazioni che hanno fatto salire l’ammontare totale a quasi 29 milioni di euro. Il Comune, a sua volta, ha presentato ricorso in Cassazione per chiedere lo stop alla sentenza della Corte d’Appello e, parallelamente, sta portando avanti una controrichiesta di risarcimento danni da 40 milioni che fa riferimento ai conteggi del collaudo finale dei parcheggi.

© Riproduzione Riservata

Commenti