una splendida vista aerea di Taormina

Si avvicina la stagione estiva e inizia ad emergere, irrefrenabile, la voglia di vacanze degli italiani: una voglia che è più forte della crisi economica e di qualsiasi altra difficoltà. Nell’estate 2018 sono infatti 3 milioni e mezzo in più, rispetto al 2017, le persone che pensano di fare un viaggio, si tratta dell’88% del campione. Lo ha rivelato la ricerca “Le vacanze degli italiani”, realizzata per Robintur. Ma c’è chi pensa a partire anche prima della pausa estiva: un italiano su 3 è pronto al primo assaggio d’estate in vista del ponte del 25 aprile e del primo maggio, il 35% infatti pensa che andrà in vacanza in particolare nelle città d’arte o nelle grandi città (27%).

Quest’estate sceglieranno il mare il 50% dei vacanzieri, anche se le destinazioni immerse nella natura registrano un +13% Per gli italiani vince la voglia di novità, con 8 vacanzieri su 10 che vogliono cambiare meta con l’arrivo del caldo. Si confermerà tra le destinazioni privilegiate la Sicilia, mentre nelle previsioni di viaggio crescono mete come Emilia Romagna, Lazio e Liguria per l’Italia e Spagna, Grecia e Croazia per l’estero. In calo invece le destinazioni più blasonate in passato come Puglia, Sardegna e Campania per il nostro Paese e Maldive, Thailandia e Egitto per chi va fuori dai confini nazionali.

Ai tempi di internet per le vacanze si punta molto sul fai da te e la sicurezza della prenotazione. Un viaggiatore su due o ha già prenotato o pensa di farlo a breve (54%) e nove su dieci lo faranno prima di partire. Oltre 7 su dieci fanno da soli (73%), molti dei quali prenotano viaggio e pernottamento sfruttando siti aggregatori o i siti dei vari operatori o albergatori. Ma ci sono ancora due viaggiatori su dieci (19%) che scelgono di affidarsi alle adv per l’ottimo rapporto qualità/prezzo (41%) o per le proposte originali e interessanti (34%), o per un rapporto di fiducia consolidato (29%).

© Riproduzione Riservata

Commenti