Eligio Giardina, sindaco di Taormina
Eligio Giardina, sindaco di Taormina

“Il Comune di Taormina non è inadempiente su Palazzo Ciampoli e chi sostiene il contrario dice delle bugie. Le dichiarazioni e la presa di posizione dell’on. Germanà sono inaccettabili, è la Regione che non ha rispettato una convenzione sottoscritta con noi”. Lo afferma il sindaco Eligio Giardina che così replica all’intervento dell’on. Nino Germanà che ha invitato la Regione a riprendere in mano la gestione di Palazzo Ciampoli e nelle scorse ha affermato in una nota che “l’Amministrazione di Taormina non è riuscita a far fronte agli impegni presi con grave danno per l’immagine e per l’erario”.”Palazzo Ciampoli non è stato mai consegnato dalla Regione al Comune di Taormina – replica Giardina -, e di conseguenza per noi non è stato sinora possibile ottemperare alla convenzione stipulata dal Comune con la Regione lo scorso anno. La consegna non c’è mai stata nonostante i vari sms e una comunicazione scritta del 23 febbraio scorso, da me inviati alla direzione generale dell’assessorato regionale ai Beni Culturali. L’inadempienza è da parte della Regione verso di noi, non viceversa. Non ho mai avuto le chiavi di quell’immobile, quindi cosa mi può essere contestato adesso dalla Regione e nello specifico dall’on. Germanà, del quale non comprendo l’intervento contro il Comune e contro il sindaco”.

“Esiste una convenzione per la valorizzazione e fruizione dell’immobile – continua Giardina – ma se il Comune non dispone neppure delle chiavi di Palazzo Ciampoli come può valorizzarlo? A mio avviso c’è un disegno che va sventato contro Taormina e i taorminesi, ancora prima che contro chi amministra questa città. Non possiamo permettere, tuttavia, a nessuno di ribaltare lo stato reale e veritiero delle cose. Certamente non è responsabilità del Comune se oggi Palazzo Ciampoli è chiuso. A Palermo sanno bene che non possiamo aprire un bene di cui non possediamo le chiavi. Allo stesso tempo siamo anche consapevoli che servono delle manutenzioni per sistemare Palazzo Corvaja ma se c’è qualcuno che è inadempiente è la Regione sul Teatro Greco, che da anni ci toglie i proventi che spettano alla Città di Taormina e di conseguenza ci priva delle risorse che servirebbero per interventi di manutenzione di alcuni siti storici”.

© Riproduzione Riservata

Commenti