Eligio Giardina, sindaco di Taormina
Eligio Giardina, sindaco di Taormina

Il Tar di Catania dà ragione al Comune di Taormina sul ricorso riguardante la gestione della Piscina comunale e il sindaco Eligio Giardina non fa mistero della sua soddisfazione. “Accogliamo con indubbia soddisfazione questa sentenza – afferma il sindaco Eligio Giardina -, che va considerata come la prova e la conferma che non c’è mai stata nessuna condotta ingiusta da parte nostra sulla piscina comunale e che l’azione intrapresa verso il Cvsm era dovuta invece all’esigenza di tutelare il Comune di Taormina a fronte dell’avvenuta scadenza del contratto. Non c’è mai stata, soprattutto, nessuna volontà da parte nostra di penalizzare l’utenza della piscina. Con questa sentenza è stata ristabilita la legalità sulla situazione della piscina comunale. Il Cvsm, nel periodo del contratto di gestione, ha operato bene. Per il resto avevamo ragione noi, ma adesso non vogliamo fare nessuna polemica. Restituiremo la Piscina comunale ai cittadini”.

Il tribunale etneo ha dichiarato nulla la clausula contrattuale concernente la possibilità di rinnovare il contratto, ed ha dichiarato inoltre l’avvenuta estinzione del contratto alla originaria prima scadenza e ha condannato l’associazione (Csvm) a rilasciare i beni oggetto della convenzione entro 30 giorni dalla notifica della sentenza. La controparte, ovvero il Corpo Volontario di Soccorso in Mare, è stata condannata, altresì, al pagamento di 4 mila euro, oltre accessori di legge per spese legali.

© Riproduzione Riservata

Commenti