prosegue la disputa sulle attività dei progetti Pac

Non si sblocca la vicenda del blocco delle attività dei progetti Pac negli asili nido di Taormina, Santa Teresa di Riva e Francavilla. L’unica schiarita all’orizzonte, per adesso, riguarda Savoca, mentre per il resto non è servito a risolvere il caso l’incontro dei giorni scorsi a Palazzo dei Giurati tra una delegazione di dipendenti e famiglie degli asili in questione ed il presidente di Asofa, Leonardo Le Mura, con gli amministratori e la dirigenza del Comune di Taormina (ente capofila del Distretto Socio Sanitario 32) per ottenere chiarimenti e informazioni in merito al mancato pagamento delle fatture arretrate dal mese di giugno 2017 al marzo 2018. A seguito dei mancati pagamenti e nell’impossibilità di garantire con efficienza e sicurezza le attività ludico-didattiche, Asofa ha sospeso al momento i progetti e le relative attività.

“Nonostante l’impegno del sindaco affinché vengano corrisposte le spettanze maturate da giugno 2017 a marzo 2018 – spiega Le Mura – ad oggi non è avvenuta nessuna liquidazione. Pertanto, tutti i progetti rimarranno chiusi fino a quando non riceveremo tutto quanto dovuto, ad eccezione del micro nido di Savoca il quale grazie ad intervento del sindaco di Savoca SI è avuta la riapertura lunedì. Gli altri progetti a Taormina, Santa Teresa e Francavilla rimarranno chiusi”.

“Non comprendiamo questo accanimento nei confronti della nostra associazione, dei nostri dipendenti e nei confronti dei progetti che coinvolgono oltre 80 bambini – ha aggiunto Le Mura – e che soprattutto rendono un servizio molto utile alle famiglie. Proprio le famiglie stanno patendo il disagio di questa situazione e ci stanno chiedendo perchè non ripartono i servizi ma, purtroppo, ciò non dipende dalla nostra volontà. Siamo stati costretti alla sospensione delle attività, evidenziando comunque che parliamo di iniziative in cui le risorse per i progetti vengono finanziate dal Ministero. Quindi non sussiste neppure un problema di difficoltà economiche da parte dell’ente locale, perchè non è il Comune a finanziare le attività in oggetto”.

La questione potrebbe ora inasprirsi ulteriormente e potrebbero scattare delle azioni legali da parte di Asofa per il recupero di quanto dovuto per i ritardati pagamenti, con relative richieste comprensive di interessi e rivalutazioni delle somme in oggetto. “I quattro asili, mediante i progetti Pac – ha ricordato Le Mura -, ospitano 16 bambini a Savoca, 20 a Santa Teresa, 18 a Francavilla e 15 a Taormina. Il personale educativo e ausiliariato svolge attività ludico-didattiche e sono stati assicurati in tutto gli asili anche il servizio mensa e/o le merende. Quindi costi e oneri importanti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti