a chi andrà la fascia di sindaco?

Fase di stallo e tatticismi che si prolungano sino in fondo nella campagna elettorale per le elezioni comunali del 10 giugno a Taormina. Le ultime candidature a sindaco e le alleanze definitive tardano, infatti, ad emergere e la concreta prospettiva all’orizzonte è quella di una situazione di incertezza per almeno un’altra settimana. L’orientamento generale è quello di prendere tempo e avvicinarsi quanto più possibile al termine ultimo che precederà la presentazione delle liste.

Nell’aggregazione del “patto di Mazzeo” non e’ stata ancora decisa la candidatura a sindaco e i vari pretendenti alla prima poltrona di Palazzo dei Giurati si stanno muovendo per mettere d’accordo gli alleati sulla propria candidatura. In pole position rimane l’ex sindaco Mauro Passalacqua ma altrettanto determinato e’ il presidente del Consiglio, Antonio D’Aveni, molto attivo in queste ore nel tentativo di conquistare la nomination per la sindacatura. E in corsa c’e’ sempre Pinuccio Composto: il capogruppo di “ProgettiAmo Taormina” punta ad un ruolo di primo piano.

All’evoluzione delle vicende del tavolo di Mazzeo guarda con attenzione anche il sindaco in carica Eligio Giardina, che lavora ad una sua lista ma al contempo non esclude di poter recuperare qualche pezzo della sua ormai ex maggioranza per dare solidità al suo progetto di ricandidatura. Le valutazioni che farà Giardina potranno avere riflessi sulle scelte che faranno gli assessori Pina Raneri, Gaetano Carella e Antonio Lo Monaco, che attendono di capire se Giardina effettivamente troverà le condizioni politiche per la ricandidatura, ed in tal caso si schiererebbero con lui. Diversamente, i tre dovranno guardarsi attorno per convergere su un altro percorso. L’assessore Salvo Cilona continua invece a muoversi nella direzione di una sua candidatura a sindaco.

Alle candidature a sindaco già certe di Andrea Raneri, Eddy Tronchet e Mario Bolognari si soggiungeranno, insomma, altri due o tre candidati ma occorrerà pazientare per avere il quadro politico definitivo. Non a caso le rispettive liste dei candidati già certi non sono state ancora completate e chiuse, in attesa di capire cosa emergerà dai tavoli politici ancora aperti.

© Riproduzione Riservata

Commenti