manto stradale in pessime condizioni in Via Paladini

Il Comune di Taormina sta ultimando la predisposizione del bando di gara che disciplinerà i criteri di assegnazione delle Case popolari della popolosa cittadina Trappitello. L’obiettivo è quello di mettere ordine e garantire la legalità sulla destinazione degli immobili di Via Paladini. Un incontro si è svolto proprio nelle scorse ore tra i responsabili dell’Iacp di Messina, il Comune di Taormina e la Polizia locale per fare il punto di lavoro e prevedere una scaletta di lavoro sulle incombenze da affrontare per risolvere le emergenze registratesi sin qui su più fronti per quanto concerne le Case popolari di Trappitello. L’obiettivo è quello di stoppare qualsiasi forma di illegalità nell’occupazione delle abitazioni.

Le parti hanno perciò effettuato uno scambio di dati per avere un quadro chiaro della situazione. Si tratta di un’area nella quale si trovano 80 alloggi e alcuni potrebbero essere disponibili per nuovi richiedenti ma c’è da regolamentare i criteri di assegnazione. “L’attività in atto – ha spiegato il vicecomandante della Polizia locale, Daniele Lo Presti – è finalizzata, innanzitutto, ad aggiornare l’elenco degli occupanti, individuare con esattezza gli immobili già abitati e quelli disponibili ma soprattutto accertare i relativi titoli degli occupanti per risiedere nelle palazzine”.

Il Comune di Taormina sta preparando, come detto, un bando per la futura assegnazione degli alloggi disponibili. Per questo è in corso un censimento che appare fondamentale per capire come stanno le cose in Via Paladini. Alcuni immobili sarebbero al momento inagibili e potrebbero essere posti comunque in gara, ipotizzando a quel punto un impegno economico a carico del richiedente, se dovesse esserci la disponibilità dello stesso. A quel punto la casa municipale potrebbe valutare l’opportunità di determinare una detrazione dal canone di affitto. Ad Iacp, il Comune intende sollecitare la disponibilità ad un impegno economico finalizzato a migliorare lo stato degli immobili.

© Riproduzione Riservata

Commenti