Nunzio Corvaia, consigliere di
Nunzio Corvaia, consigliere di "ProgettiAmo Taormina"

Si intensificano i contatti in vista delle Amministrative di Taormina del 10 giugno tra i gruppi e i leader del cosiddetto”patto di ferro” o “patto di Mazzeo” costituito martedì scorso nella frazione da Marcello Muscolino, Pinuccio Composto, Nunzio Corvaia, Enzo Scibilia e Bruno De Vita. In queste ore si lavora per arrivare ad una sintesi sul nome del candidato sindaco. Sul tavolo c’è la possibile candidatura di Composto, c’è D’Aveni che sarebbe pronto a scendere in campo e si era parlato con insistenza di un’investitura all’ex sindaco Mauro Passalacqua, che però al momento non ha ancora aderito a nessun gruppo e sta riflettendo su quale posizione assumere.

E allora al tavolo di Mazzeo salgono le quotazioni di Corvaia, sul quale ci sarebbe il gradimento dei gruppi politici dell’aggregazione e nei riguardi del quale non sembrano esserci veti di alcun genere. Ecco perché Corvaia, alla fine, potrebbe rappresentare la figura di sintesi attorno a cui mettere d’accordo le varie posizioni. Il consigliere di opposizione ed ex assessore al momento si è trincerato nel silenzio e non intende sbilanciarsi. Attende gli sviluppi delle consultazioni ma, dopo aver fatto opera di mediazione per la formazione della coalizione, sta entrando progressivamente nell’ordine di idee di lasciare le posizioni dietro le quinte per giocare stavolta un ruolo da protagonista alla guida di uno schieramento politico.

Corvaia sa di poter contare sull’eventuale supporto di Composto, da lui sostenuto nel 2013. Va detto che Composto vuole andare fino in fondo e giocarsi tutte le chance di candidatura, con la convinzione che questa tornata possa avere un esito differente dalla precedente. Se al tavolo politico dovessero emergere, in definitiva, altre valutazioni sulla candidatura da esprimere, l’alternativa e dunque il nome in tal caso maggiormente gradito da Composto sarebbe proprio Corvaia. E sul nome di Corvaia potrebbe esserci anche il gradimento di De Vita, con il quale i rapporti sono buoni. L’esponente di “ProgettiAmo Taormina” sarebbe, insomma, pronto a rompere gli indugi e a raccogliere la sfida di una eventuale nomination per la contesa del 10 giugno.

© Riproduzione Riservata

Commenti