la querelle sulle Case vacanza

Il presidente di Federalberghi Extra, Giovanni Ficarra, contesta i dati forniti da HomeAway sulle Case vacanza, che nei giorni scorsi ha presentato uno studio sulla Sicilia alla borsa del turismo Travelexpo a Terrasini. I proprietari più fortunati, secondo lo studio di HomeAway, sarebbero “quelli che hanno un appartamento a Taormina che può fruttare fino a 4.800 euro al mese, fino a 4.000 a Marina di Ragusa che ormai affianca Giardini Naxos grazie all’effetto Commissario Montalbano”.

“I dati – commenta Ficarra – sono esagerati ed imprecisi . Secondo lo studio un appartamento a Taormina rende 4800 al mese, per 12 mesi il risultato sarebbe di 57.600 euro all’anno. Non è così. Posso dire che diversi B&B e Case vacanza chiudono perché i conti non tornano, la concorrenza sleale distrugge il mercato. Queste informazioni illudono la gente con facili guadagni e distruggono la qualità del turismo. Se i prezzi continuano a scendere molte case e B&B faranno la fine del pomodorino di Pachino”. “Dunque – continua Ficarra – i dati sono inesatti, approssimativi ed irreali. una casa a Taormina non rende 4 mila 800 euro al mese e nemmeno 57.600 euro all’anno. Non bisogna incitare all’affitto e al guadagno facile. A Taormina alcuni B&B e Case sono in vendita perché i proprietari non arrivano al guadagno sperato. Bisogna fare una seria riflessione, cosa che ho posto al direttivo Nazionale di Federalberghi Extra a cui parteciperò il 10 Aprile prossimo. Il primo punto all ordine del giorno sarà questo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti