l'avvocato Pippo Perdichizzi

La campagna elettorale per le Comunali di Taormina si avvia al quadro definitivo dei candidati a sindaco che si sfideranno il 10 giugno. Dopo le già sicure nomination di Eddy Tronchet, Andrea Raneri, Mario Bolognari, e Salvo Cilona i rebus in attesa di soluzione sono ormai due. Uno riguarda la posizione che assumerà il sindaco in carica Eligio Giardina, e poi la scelta del candidato sindaco che dovrebbe emergere dalla nuova coalizione formata qualche giorno fa dai sei gruppi rappresentati da Marcello Muscolino, Pinuccio Composto, Nunzio Corvaia, Bruno De Vita, Enzo Scibilia e Antonio D’Aveni. Proprio su questa nuova compagine, della quale dovrebbe far parte anche l’ex sindaco Mauro Passalacqua, si concentra in queste ore la maggior parte delle attenzioni, anche da parte dei competitor.

Dopo il summit di Mazzeo, che martedì scorso ha portato alla firma del patto a 6, in città sono emerse voci di un’investitura da parte dell’on. Carmelo Lo Monte, a sostegno di alcuni esponenti della coalizione: c’è chi ha ipotizzato un’investitura in vista per Composto ma si è anche ipotizzato in altri ambienti locali un possibile imprimatur del deputato di Graniti in favore di Passalacqua. Arrivano, a tal riguardo, precisazioni e all’orizzonte c’è un summit decisivo nel weekend.

“Al momento non c’è alcun sostegno della Lega a nessuno – spiega il segretario della Lega a Taormina, l’avvocato Pippo Perdichizzi -. Come rappresentante della Lega in città ed anche a nome dell’on. Lo Monte smentisco qualsiasi voce su presunte posizioni politiche assunte dal partito e dal nostro deputato di riferimento. Diffido, anzi, chiunque, dall’utilizzare il nome della Lega a qualsiasi tavolo delle trattative al quale la Lega ad oggi non è presente. Altri possono parlare ed agire a titolo personale”. “Nel fine settimana – aggiunge Perdichizzi – si terrà una riunione indetta dall’on. Lo Monte, nel corso della quale verrà analizzata la situazione politica di Taormina e verranno stabilite le determinazioni che il partito assumerà. La Lega guarda avanti e non al passato”.

“Segreteria federale della Lega di Taormina e l’onorevole Lo Monte – ha aggiunto Perdichizzi – sono distinti e distanti da queste riunioni politiche balneari. Per il partito della Lega ancora non è iniziata la stagione dei tuffi a mare ne quella dei voli pindarici. Guardiamo con rispetto e serenità alle fantasie altrui. Ma non vogliamo essere coinvolti in decisioni che non ci appartengono. Il parto di ferro ci sembra nato arrugginito. E noi siamo vaccinati contro il tetano”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti