Non ce l’ha fatta a sconfiggere un atroce destino, eppure la forza del sorriso è stata più forte del dramma che sapeva si sarebbe compiuto a breve: Fabrizio Frizzi era consapevole che la morte stava arrivando ma ha scelto di andarsene lavorando sino all’ultimo istante per il suo pubblico, con il suo consueto sorriso e con un gesto commovente che rimarca le sue eccezionali qualità umane. E’ stato l’ultimo regalo di Frizzi alla gente che lo ha accompagnato per tutta la sua carriera con affetto e che adesso lo piange.

Alfonso Signorini ha dichiarato durante la trasmissione Matrix che Fabrizio Frizzi “aveva tumori diffusissimi e inoperabili“. Frizzi è scomparso a 60 anni a causa di un’emorragia cerebrale. Nei giorni successivi alla morte era emersa l’ipotesi che il presentatore fosse affetto da un male incurabile che gli ha provocato il fatale danno vascolare. La conferma è arrivata dal direttore del magazine “Chi”, che ha svelato: “Lui [Fabrizio Frizzi] sapeva che non aveva scampo. E questo è molto importante da sottolineare, perché quando ha avuto quella ischemia che l’ha portato al ricovero immediato all’ospedale, ad ottobre, dagli esami è risultato che aveva dei tumori diffusissimi, inoperabili”.

Della grave situazione era informata anche la famiglia del conduttore: “Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente”.

Frizzi ha scelto con straordinario coraggio la seconda strada, è tornato dopo un mese e mezzo a condurre l’Eredità come era nel suo carattere generoso e altruista. “È questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi”, ha aggiunto Signorini. Durante la malattia la moglie Carlotta Mantovan e la figlia Stella di 5 anni gli sono sempre state accanto. Ai funerali Carlotta ha voluto salutare Fabrizio con un gesto d’amore. E così, con enorme affetto, lo salutano milioni di italiani.

© Riproduzione Riservata

Commenti