Orlando Russo, il sindaco di Castelmola
Orlando Russo, il sindaco di Castelmola

“L’Unione dei Comuni Taormina-Giardini Naxos al momento continua a non poter contare sulla presenza di Taormina, è una mancata adesione che sorprende, è un’anomalia che invitiamo gli amici del Comune di Taormina a sanare al più presto”. Il monito e l’appello arrivano dal sindaco di Castelmola, Orlando Russo, che invita il Comune di Taormina a prendere una posizione sull’Unione dei Comuni, realtà comprensoriale che ad oggi prende il nome di Taormina (ed anche quello di Giardini) ma nella quale sino a questo momento non c’è l’adesione e la partecipazione di Taormina. Ad oggi dell’Unione dei Comuni fanno parte Giardini, Letojanni, Castelmola, Mongiuffi e Gallodoro.

“Manca soltanto Taormina ed è un’assenza che pesa e non passa inosservata – spiega Russo – e indubbiamente è una posizione che penalizza un pò tutti, sia noi che loro. Qualche giorno fa ho incontrato l’europarlamentare Salvo Pogliese, col quale abbiamo discusso di alcune iniziative che proveremo come Unione dei Comuni a far finanziare anche nel contesto dei progetti con fondi europei. Parlo delle nuove funivie comprensoriali, che l’Unione dei Comuni intende realizzare e che sin qui attende il relativo placet di Taormina. Ma l’on. Pogliese, pure lui, si è soprattutto sorpreso del fatto che Taormina non fa parte dell’Unione dei Comuni.

Eppure l’Unione dei Comuni ha delle potenzialità importanti. Senza Taormina quelle potenzialità non possono essere le stesse, ed al contempo Taormina potrebbe arrivare col nostro supporto a dei fondi che sino ad adesso loro non riescono ad intercettare da soli. Taormina deve assumere una posizione, dentro o fuori, e farci capire cosa intende fare. A nostro avviso dovrebbe assumere una posizione dirigenziale, di primo piano, dentro l’Unione dei Comuni. Tutti uniti potremmo portare avanti un programma di sviluppo del territorio. Non ha più senso vedere il comprensorio da un’ottica campanilistica, bisogna pensare e agire tutti insieme per contare di più.
Altrimenti,  poi è chiaro che i risultati sono inferiori e che i problemi rimangono”. Secondo Russo “serve una cabina di regia nelle politiche per il turismo del comprensorio e Taormina deve entrare nell’Unione dei Comuni”.

“Molte cose – aggiunge Russo – possono essere fatte in modo comprensoriale e circuitate. Mi viene in mente, ad esempio, il presepe vivente che abbiamo fatto lo scorso Natale a Castelmola per le vie del borgo con grande successo ma vale per tante altre cose. L’assenza di Taormina pesa, vorremmo capire perchè non si unisce a noi e ci auguriamo che lo faccia al più presto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti