Daniele Lo Presti
Daniele Lo Presti, vicecomandante della Polizia locale di Taormina

La Polizia Locale di Taormina, di concerto con l’Amministrazione comunale, ha avviato un programma di collaborazione con l’Istituto Autonomo Case Popolari di Messina per fare luce sulla difficile situazione delle Case popolari di Trappitello, dove da tempo si registrano problematiche di vario genere. Da un lato c’è il degrado del quartiere, e quindi le problematiche di vivibilità nelle abitazioni e nelle aree circostanti, lamentate dai residenti, dall’altra c’è la questione degli insediamenti senza titolo in alcuni alloggi.

Un fenomeno, quest’ultimo, non nuovo e che si verifica da parecchi anni senza che si sia mai registrata una svolta definitiva in tal senso. Proprio pochi giorni fa la Polizia Locale, come si ricorderà, ha inteso procedere allo sgombero di un alloggio da parte dell’occupante, ritenuto abusivo, effettuando il deferimento dell’uomo e sottoponendo l’immobile a sequestro penale, acquisendo, altresì, formale denuncia da parte del Responsabile dell’Iacp.

“Abbiamo avviato un percorso di collaborazione con il dirigente responsabile dell’Iacp – spiega il vicecomandante della Polizia locale, Daniele Lo Presti – al fine di stabilire di comune accordo un piano per l’assegnazione delle case, nel pieno rispetto della legge, ed anche per la conservazione degli alloggi. Parliamo di un’area nella quale si trovano 40 alloggi ed è opportuno che venga fatto un censimento degli aventi diritto. Avvieremo una discussione in sinergia con l’Iacp e raccordandoci ovviamente con l’Amministrazione al fine di dirimere problematiche inerenti sia la regolamentazione ed il rispetto dei criteri di assegnazione degli alloggi, sia per monitorare lo stato degli edifici e la vivibilità in zona”.

Già nei prossimi giorni dovrebbe esserci un primo incontro operativo per avviare la discussione e pianificare le linee guida della collaborazione tra le parti, finalizzata a cercare di affrontare i problemi delle case popolari. L’Iacp potrebbe a breve realizzare, intanto, nelle Case popolari di Via Paladini delle opere di manutenzione ordinaria, inerenti la sistemazione del manto stradale e del cancello di ingresso all’area. Dovrebbero anche essere eseguite delle opere per sistemare, in qualche modo, l’arredo urbano. L’Iacp predisporrà un progetto esecutivo per opere di riqualificazione degli edifici inerenti le pavimentazioni, le facciate ed i balconi.  Tale piano dovrebbe essere attuato con fondi regionali.

© Riproduzione Riservata

Commenti