Federalberghi contro il CdM sulle Case Vacanza

La vicenda interessa da vicino anche Taormina, dove da tempo si registra una crescita esponenziale di Case vacanza. Stiamo parlando dell’alzata di scudi in atto in queste ore da parte di Federalberghi dopo la decisione, da parte del Consiglio dei Ministri, di impugnare la legge della Regione Lombardia che ha istituito un codice identificativo da assegnare a case e appartamenti per vacanze.

“Auspichiamo che la Corte Costituzionale respinga senza esitazioni la richiesta del Governo e metta fine a questo interminabile gioco dell’oca – si legge in una nota dell’associazione -, in cui lo Stato lascia campo libero agli abusivi facendosi scudo dietro la competenza esclusiva delle Regioni in materia di turismo, salvo poi intervenire per censurare l’operato di quelle Regioni che tentano di mettere ordine in questo caos”.

Federalberghi non nasconde il suo disappunto sulla questione delle Case vacanza e attacca le lobby “che stanno lavorando con tutti i mezzi per contrastare l’applicazione di qualsiasi regolamentazione in materia di pubblica sicurezza, tutela del consumatore, equità fiscale e concorrenza leale”.

© Riproduzione Riservata

Commenti