La Perla dello Ionio in fermento per il probabile arrivo della serie tv Gomorra a Taormina. La località ionica pare destinata, infatti, ad essere scelta per alcune riprese della quarta serie della saga ideata da Roberto Saviano e in paese c’è già chi è favorevole e chi invece non nasconde la propria apprensione. Le vicende di Genny Savastano (Salvatore Esposito) ed il clamoroso ritorno di don Salvatore Conte (Marco Palvetti), che potrebbe avvenire proprio a Taormina, dividono la capitale del turismo siciliano tra favorevoli e contrari alla serie. Da una parte c’è chi vede in Gomorra un’opportunità per un promos mediatico e turistico come fu ai tempi de “Il Padrino” e de “La Piovra”, dall’altra parte c’è chi teme l’esatto opposto e cioè che l’immagine di Taormina finisca per essere collegata alle violente dinamiche della fiction.

Il sindaco di Taormina, intanto, dice sì alle riprese della serie Gomorra in città. “La fiction Gomorra a Taormina a mio avviso non è un fatto negativo – dichiara il primo cittadino Eligio Giardina -. Gomorra certamente tratta dei temi molto forti ma è una fiction che viene distribuita in oltre 150 Paesi nel mondo e che ha anche avuto prestigiosi riconoscimenti come quello del New York Times. Ben venga questo tipo di attenzione mediatica verso la nostra città da parte della produzione di una serie così famosa. Ricordiamoci che a Taormina sono state girate a suo tempo delle scene di altre importanti produzioni come “La Piovra” e prima ancora de “Il Padrino”.

“Non credo – conclude Giardina – che possano esserci riflessi negativi di altro tipo, la gente lo sa bene che la realtà è una cosa e la finzione un’altra. Taormina è una località internazionale dove c’è sicurezza e legalità e che non ha nulla a che vedere con certi fenomeni”.

© Riproduzione Riservata

Commenti