Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale di Taormina
Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale di Taormina

“Sul futuro del Palacongressi la decisione spetta al Consiglio comunale e l’unica soluzione possibile è quella di un bando di gara, a lungo termine non provvisorio, per la gestione della struttura”. Lo afferma il presidente del Civico consesso, Antonio D’Aveni, che così prende posizione sull’auditorium di piazza Vittorio Emanuele consegnato nelle scorse ore dall’Aeronautica Militare al Comune di Taormina a conclusione dei lavori che hanno portato all’adeguamento e la messa a norma dell’edificio. L’immobile che per oltre 30 anni ha patito problemi di agibilità ed è stato a lungo costretto a deroghe provvisorie è arrivato ad una svolta grazie ai lavori finanziati dal Governo italiano e realizzati prima e dopo il G7 dall’Aeronautica militare, ora la palla passa al Comune che dovrà capitalizzare al meglio questi interventi e dare una gestione alla struttura.

Martedì la Commissione comunale di Vigilanza valuterà le opere effettuate ed è atteso quindi l’ok per l’agibilità. La conclusione della legislatura, intanto, è vicina e a giugno si tornerà al voto per le Comunali, ed è perciò emersa anche l’ipotesi del “congelamento” delle scelte gestionali per il Palacongressi oppure un bando ponte, ma D’Aveni stoppa queste soluzioni. “Serve un bando definitivo, senza farsi condizionare da altri discorsi – afferma D’Aveni -. La scelta va fatta, quindi le carte e le procedure vanno portate avanti senza esitazioni e senza perdere tempo prezioso. Il Palacongressi è patrimonio comunale e la scelta competerà al Consiglio comunale e l’assemblea farà la propria parte, come sempre, con il massimo senso di responsabilità”.

Poi D’Aveni lancia un messaggio alla Giunta: “Nessuno illuda nessuno e nessuno faccia fughe in avanti rispetto al Consiglio comunale. E’ necessario un bando che garantisca i cittadini, le associazioni, le scuole e che consenta nell’arco dell’anno anche i dovuti spazi istituzionali. Bisogna portare avanti un iter fatto bene e che risponda alle reali ed effettive esigenze della Città di Taormina”.  Il presidente del Consiglio fa chiarezza anche sull’ipotesi di una gestione provvisoria da affidare a TaoArte: “Ribadisco che l’unica soluzione è il bando di gara, TaoArte avrà comunque i suoi spazi a prescindere come già avviene adesso durante l’anno con il Festival del Cinema. La strategia da seguire non è quella delle soluzione tampone. Il Palacongressi può e deve portare entrate importanti al Comune e quindi agli operatori economici della città. La centralità della scelta spetta al Consiglio e quando la Giunta ci trasmetterà la sua proposta, ci faremo trovare pronti a deliberare”.

© Riproduzione Riservata

Commenti