il direttivo dell'Associazione Commercianti Taormina

“Re-strutturare il turismo in Sicilia, il caso Taormina”. Questo il titolo del convegno regionale organizzato da Act, la neonata Associazione commercianti di Taormina, in programma il prossimo 16 marzo al Palazzo Duchi di Santo Stefano, che punta a creare un momento di dibattito e confronto sul rilancio della città, esempio di località turistica per eccellenza in Sicilia. Al convegno della neonata associazione presieduta dal noto e stimato imprenditore taorminese Nino Scandurra ed il cui vicepresidente è lo chef stellato taorminese Pietro D’Agostino, parteciperanno, tra gli altri, Sandro Pappalardo, assessore al Turismo della Regione Siciliana, Rosario Dibennardo, vice presidente Federalberghi Sicilia e componente del CdA Sac, Ivo Blandina, presidente della Camera di Commercio Messina,
Eligio Giardina, sindaco di Taormina, Salvo Cilona, assessore comunale al Turismo di Taormina,
Vincenzo Tumminello, presidente di Sicilia Convention Bureau e Salvo Pogliese, europarlamentare, componente Commissione Trasporti e Turismo Parlamento Europeo. Modererà il giornalista Guglielmo Troina, vicecaporedattore del Tgr Sicilia.

Il caso Taormina è il cardine attorno cui ruoterà il focus per analizzare lo stato di salute dell’intera offerta turistica in Sicilia che può contare su un bagaglio artistico culturale che richiama migliaia di visitatori ogni anno; su una riconoscibilità nel mondo come terra di arte, di turismo, di mare, di eccellenza enogastronomiche, terra amata dai poeti, pittori e viaggiatori dell’Ottocento che la fecero conoscere in tutta Europa. L’obiettivo dell’Associazione Commercianti Taormina è quello di far vivere Taormina per 12 mesi l’anno, un traguardo che viene ritenuto assolutamente possibile da centrare ed al cui riguardo si punta, insomma, con decisione ad essere parte attiva di un’azione in grado di portare all’agognata svolta. “Taormina che fa turismo per 12 mesi l’anno è un obiettivo che si può raggiungere e sono convinto che se ognuno farà la propria parte, ed anche attraverso la sinergia con le varie forze in campo, questa prospettiva è realmente raggiungibile”, ha detto il presidente di Act, Scandurra. “Ho avuto modo di vedere e di lavorare nei più importanti e prestigiosi luoghi del mondo – ha evidenziato il vicepresidente D’Agostino, chef stellato taorminese conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo – ed ovunque ho visto ed apprezzato che si fa turismo per tutto l’anno, quindi è arrivato il momento di fare lo stesso anche qui e bisogna soprattutto andare oltre il solito luogo comune della parola “destagionalizzazione”. Taormina, senza alcun dubbio, ha tutto per offrire attrattive ai propri visitatori nell’arco di un intero anno e noi lavoreremo in questa direzione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti