Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale
Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale

Il Lodo Impregilo torna ad animare il dibattito politico a Palazzo dei Giurati. Dura reazione del presidente del Consiglio comunale Antonio D’Aveni a commento della sentenza con cui la Corte d’Appello di Messina ha condannato il Comune di Taormina al pagamento di 15 milioni di euro sul contenzioso dei parcheggi. “Siamo di fronte ad un qualcosa di anomalo – ha detto D’Aveni -, il Comune si opporrà e per difendere Taormina a mio avviso dovrà muoversi anche in altre sedi. Il Consiglio comunale di Taormina sarà vigile e molto attento sulla situazione”.

D’Aveni non nasconde, insomma, il suo disappunto per il pronunciamento della Corte d’Appello di Messina, che in sostanza ha ribaltato la decisione della Corte di Cassazione che nel 2010 aveva accolto il ricorso del Comune di Taormina, negando allora ad Impregilo l’assegnazione delle somme vantate (23 milioni di euro) sulle quali l’impresa che realizzò i parcheggi comunali aveva avuto ragione nei giudizi di primo e secondo grado. La Cassazione dispose sempre nel 2010 che il processo fosse ricelebrato stavolta in Corte d’Appello ma adesso da Messina sono giunte pessime notizie per il Comune di Taormina, con la condanna a pagare 15 milioni ad Impregilo.

© Riproduzione Riservata

Commenti