Piero Benigni, coordinatore del Pd
Piero Benigni nuovo coordinatore del Pd

Anche il Partito Democratico potrebbe presto lanciare il proprio candidato sindaco per le elezioni comunali di giugno a Taormina. “Il Partito Democratico ovviamente un’analisi definitiva la rimanda a dopo le Nazionali ma in qualsiasi caso – spiega il capogruppo consiliare Piero Benigni – proporremo alla città un progetto di governo. Il Pd si metterà al centro del confronto politico e vuole essere protagonista. Ci interessa parlare di programmi e progetti, vogliamo confrontarci su questo con gli altri per arrivare alla definizione di una proposta da fare alla città. Certamente abbiamo dei possibili candidati e indicheremo quanto prima il nome che proporremo per la candidatura a sindaco”.

Benigni non si sbilancia sul nome del candidato su cui punteranno i democratici ma sono, in sostanza, quattro le opzioni che vengono valutate in casa Pd. C’è la possibile nomination della consigliera comunale Graziella Longo (figlia della storico e stimato sindaco Eugenio Longo), c’è sul tavolo l’eventuale candidatura dello stesso Benigni, e quella di Sergio Cavallaro, ex consigliere comunale ed attuale coordinatore del Pd di Taormina, ma si parla con insistenza anche e soprattutto di un eventuale ritorno in campo del prof. Mario Bolognari, già sindaco dal 1993 al 2002 ed attuale direttore del dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina. Bolognari starebbe valutando l’opportunità di tornare protagonista nel contesto di un progetto politico che comunque punterebbe su un percorso politico oltre le sigle di partito e caratterizzato da figure della società civile.

“Intanto – continua Benigni – assistiamo ad una frammentazione del quadro politico locale che potrebbe portare ad un quadro analogo a quello della volta scorsa con diversi candidati in campo. Oltretutto, l’attuale maggioranza è in frantumi e lo è già da tempo. Siamo pure abbastanza sorpresi nell’assistere alle ripetute prese di posizione di chi si trova in Amministrazione attiva ma è critico sull’operato dell’Amministrazione e su quello che lui stesso dovrebbe determinare. Noi ci proporremo agli elettori con chiarezza e senza queste contraddizioni”.

© Riproduzione Riservata

Commenti