all'ospedale di Taormina nascite in aumento

Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina si dimostra sempre più una delle eccellenze della sanità siciliana e si prepara ad un piano di ristrutturazione, messa a norma ed ammodernamento dei locali per le nascite. Il numero di pazienti in continua e costante crescita, provenienti non soltanto dalla provincia di Messina ma anche da altre zone della Sicilia e dalla Calabria, unitamente alla conseguente necessità di adeguare gli ambienti per l’assistenza all’utenza, stanno per portare all’avvio di opere dell’importo di Un milione e mezzo di euro, con fondi Asp Messina e gara già espletata da Urega, per la realizzazione di quello che sarà a tutti gli effetti il nuovo reparto di Ostetricia e Ginecologia.

Nel reparto guidato dal primario, dott.ssa Maria Lili Klein, si sono registrate nel 2017 ben 528 nascite, 43 in più dei 485 parti del 2016 ed oltre all’assistenza alla donna in gravidanza, vengono erogate prestazioni di chirurgia ginecologica. I lavori che scatteranno a marzo consisteranno nella creazione di una sala operatoria dedicata, adiacente alla sala parto. Non verranno più effettuati, quindi, i cesari in sala operatoria poiché verrà approntata una sala dedicata dentro il reparto stesso. Con la messa a norma dei punti nascita si avrà una ottimizzazione dei vigenti criteri di sicurezza richiesti dalla Regione.

“In un momento di forte denatalità nazionale – ha spiegato la dott.ssa Klein – nei nostro reparto di Ostetricia e Ginecologia di Taormina si sta verificando una sensibile crescita delle nascite e molto presto potremo mettere a disposizione dell’utenza i nuovi locali del reparto, ancor più funzionali, per accogliere e trattare l’utenza in modo sempre più efficace e pienamente all’avanguardia. Nel nostro reparto, per altro, arrivano ormai donne da tutta la Sicilia ma anche della Calabria. Il nostro reparto è diventato punto di riferimento per una vasta utenza e con tutto lo staff cerchiamo di accogliere le pazienti nel miglior modo possibile.

C’è anche una importante collaborazione con il Centro di Cardiochirurgia Pediatrica dell’ospedale di Taormina, quindi con l’equipe medica del Bambino Gesù e questa sinergia è certamente un aspetto fondamentale per le famiglie e per i neonati”. La collaborazione tra i medici dell’Ostetricia e Ginecologia e quelli del Ccmp dà luogo, in sostanza, ad un’assistenza specialistica che fa del San Vincenzo di Taormina la sede di un polo pediatrico e cardiochirurgico di riferimento per una vasta utenza che abbraccia le due sponde dello Stretto sino a tutto il versante etneo.

“L’ospedale di Taormina – afferma il direttore sanitario del San Vincenzo, dott. Rosario Cunsolo -, oltre ad essere orientato su un’offerta assistenziale per l’area oncologica (chirurgia oncologica e senologica, otorino, ematologia ed oncologia, con annesso servizio di senologia e radiodiagnostica) si configura oggi come punto di riferimento per l’area materno-infantile garantendo così prestazioni per le cardiopatie congenite e quindi intercettate durante la gravidanza”.

© Riproduzione Riservata

Commenti