Alla faccia di Taormina: l’AAMS assegna 120 licenze per casinò online

    13523

    No ai veri casinò controllati e controllabili, sì alle slot machine e ai casinò online per spingere la gente a giocare (e molto spesso rovinarsi) davanti ad un computer o con un telefonino. Più che ad una beffa assomiglia ormai ad una plateale comica istituzionale, una sprezzante “barzelletta” di palazzo il rifiuto puntualmente opposto sinora dallo Stato italiano alla riapertura del casinò di Taormina. Mentre si fa muro contro la casa da gioco siciliana richiamando problematiche come il rischio che proliferi il gioco d’azzardo o peggio ancora infiltrazioni dedite al riciclaggio di denaro, passando per le solite promesse da marinaio e gli spergiuri della politica, in Italia si punta ormai a briglie sciolte sul gioco online sino addirittura al rilascio adesso di 120 licenze e tanti nuovi siti di gioco in arrivo.

    Incredibile ma vero, un apposito bando di gara, pubblicato in Gazzetta Ufficiale Europea, ha infatti previsto la concessione da parte dell’Agenzia dei Monopoli (AAMS) di 120 licenze per l’apertura in Italia di nuovi casinò online. Via libera all’ingresso di operatori nazionali e internazionali e questa operazione di apertura del mercato porterà nelle casse dello Stato 24 milioni di euro. L’AAMS ha messo a disposizione 120 concessioni per l’apertura in Italia di nuovi casinò online. Il bando di gara è stato predisposto per tutti gli operatori che offrano tipologie di gioco riconosciute dall’Agenzia dei Monopoli e aventi sede legale nello Spazio economico europeo. Le licenze autorizzeranno quindi diversi tipi di giochi: scommesse sportive, ippiche e virtuali, giochi di casinò online, poker, bingo e lotterie e slot machine.

    Ogni licenza avrà il costo di 200.000 €, da versare una tantum, e sarà valida fino a dicembre del 2022, senza possibilità di rinnovo. Gli operatori intenzionati ad aprire nuovi siti di casinò italiani nel 2018 dovranno inviare la loro domanda entro le ore 15 del prossimo 19 marzo. Le candidature verranno poi esaminate a partire dal 19 aprile, in ordine cronologico rispetto alla loro ricezione. Gli operatori che otterranno le licenze diventeranno così casinò legali in Italia e potranno esporre sul loro sito il marchio AAMS, a garanzia di sicurezza dei giocatori e delle loro transazioni.

    Secondo quanto riportato da Agimeg e come spiegato da Auraweb (la guida ai casinò online italiani), tra i nomi dei colossi europei che hanno manifestato interesse a investire sul mercato italiano spiccano Pinnacle, società attiva in oltre 200 paesi sia nel mercato del betting che dei casinò online; Marathonbet, specializzata in scommesse sportive e già presente in Spagna, Russia e Regno Unito, e Winamax, azienda leader del poker online in Francia. Tra i potenziali interessati si annoverano anche BetVictor, storico operatore inglese di scommesse sportive, poker, casinò e casinò live; Casumo, operatore vincitore di diversi premi EGR che si appoggia, a sua volta, ai migliori software provider come NetEnt e Microgaming; Thrills, con una gamma di oltre 700 giochi, e ancora Highroller e Spintropolis, piattaforme entrambe attive nei mercati del Nord Europa.

    © Riproduzione Riservata

    Commenti