nozze di una coppia irlandese a Taormina (Rossini Photography)

Anche Taormina tra mete più gettonate in Sicilia per il cosiddetto “turismo del wedding”. Sono circa 60 mila le coppie di stranieri che scelgono l’Italia per celebrare il loro matrimonio, con un giro di affari che ruota attorno ai 386 milioni di euro. È questo uno dei motivi principali per cui Palermo ha dedicato tre giornate al “Matrimonio sicilian style”, con l’evento Buy Wedding International, organizzato da Palermo Is in collaborazione con Events&Charme e patrocinato da Confartigianato Turismo e Spettacolo Palermo, dal Comune di Palermo e dall’assessorato regionale al Turismo.

L’inaugurazione di questa interessante fiera è avvenuta oggi pomeriggio a Villa Niscemi ma l’evento – che si concluderà domenica 25 – avrà luogo al Grand Hotel et Des Palmes. Presenti, tra gli altri, Davide Morici, presidente Confartigianato Turismo e Spettacolo di Palermo e Laura Arcilesi presidente di Palermo Is e vice presidente Confartigianato Turismo e Spettacolo Palermo e Nicola Ucci, responsabile di Events&Charme. Tra i nomi di spicco dei partners, Alekseeva Galina, titolare dell’agenzia matrimoniale russa Knyazev Wedding e Irina Petrenko, responsabile marketing e promozione di Enit Mosca.

Venticinque buyers esteri si riuniscono in Sicilia per la prima volta, per incontrare gli artigiani e le imprese siciliane e potere così avviare opportunità commerciali. Un’opportunità per le aziende siciliane che si occupano di tutto ciò che ruota attorno al mondo dei matrimoni (abiti, food, accoglienza extralberghiera, fotografia e quant’altro), per far conoscere la propria qualità e le loro eccellenze ad attori internazionali. Gli espositori hanno la possibilità di presentare riservatamente la loro struttura, presso uno spazio personalizzato, ai buyers ospiti nel corso della manifestazione.

Secondo i dati (2015) del Centro studi turistici di Firenze, a livello nazionale sono stati soprattutto gli inglesi a sposarsi in Italia (26,4%) e gli americani (20,7%), seguiti poi da Australia, Irlanda, Germania, Canada e Russia. La regione più ambita è stata la Toscana (32,1% del mercato con un fatturato stimato di 122,7 milioni di euro), seguita dalla Lombardia (15,8%). Altre regioni con flussi significativi di coppie straniere in procinto di sposarsi, sono Campania, Veneto e Lazio, Puglia, Umbria e proprio la Sicilia. Nell’isola Taormina è una delle località dove si registra il maggior numero di matrimoni di coppie straniere provenienti non soltanto da Paesi europei ma anche da altre aree geografiche più lontane come l’America.

© Riproduzione Riservata

Commenti