Taormina, Villa Comunale
Taormina, Villa Comunale

Legambiente prova a dare una scossa nella situazione di precarietà in cui è ripiombata la Villa comunale, sempre più assediata dalle transenne e dalle irrisolte conseguenze delle raffiche di vento di inizio anno. Gli ambientalisti hanno proposto al Comune di Taormina una collaborazione per impedire che la situazione del giardino pubblico vada peggiorando come purtroppo si evidenzia in questi giorni ed ipotizzano anche un possibile impegno dei militari di Sigonella. L’apporto di questi ultimi, che qualche tempo fa effettuarono qualche intervento utile alla scuola media Ugo Foscolo, potrebbe diventare una provvidenziale soluzione per ovviare alle lentezze della macchina burocratica taorminese.

“Il Circolo Legambiente Taormina Valle Alcantara – spiega la responsabile del Circolo Taormina-Valle Alcantara di Legambiente, Annamaria Noessing – lavora da mesi con il Comune e il Servizio Sviluppo rurale (la ex Forestale) per un protocollo di intesa sulla Villa Comunale di Taormina. Purtroppo gli enti seguono una burocrazia estenuante e le cose vanno per le lunghe. Vorremmo organizzare delle giornate di volontariato per migliorare la situazione della villa comunale che peggiora di giorno in giorno, specialmente in vista della nuova stagione. Stiamo cercando di coinvolgere le associazioni locali, anche i volontari di Sigonella, per cercare di fare un pò di interventi pratici. Vi chiediamo se qualcuno dei vostri associati è disponibile ad attivarsi e pensiamo di raggruppare un fondo cassa minimalista per coprire spese di attrezzature. ovvero guanti, forbici da giardinaggio, zappette, etc e snack da offrire ai ragazzi di Sigonella che verranno”.

Legambiente ha lanciato un appello ai residenti “per comunicare la propria disponibilità a riguardo”. A distanza di otto mesi dal G7 che portò alla sistemazione del muretto crollato nel 2015 vicino all’ex area giochi, la Villa è stata investita da raffiche di vento che hanno fatto crollare un altro muretto, vicino al monumento intitolato ai caduti in guerra. Al momento diverse aree sono state transennate per motivi di sicurezza, a tutela della pubblica incolumità e preoccupa sempre di più la condizione fatiscente delle antiche torrette, che rischiano un crollo. Il giardino pubblico fatto edificare da Lady Florence Trevelyan è arrivato, insomma, ad una svolta e Legambiente, come pure i cittadini, stanno intensificando il pressing sul Comune affinchè si ponga rimedio all’attuale situazione imbarazzante e inaccettabile in cui si trova la Villa comunale, dove i turisti assistono visibilmente delusi ad un percorso ad ostacoli tra tante transenne e troppe aree chiuse e necessitanti di essere messe in sicurezza e riaperte al pubblico.

© Riproduzione Riservata

Commenti