la mensa scolastica proseguirà sino al 31 maggio

Il servizio mensa nelle scuole di Taormina centro e frazioni proseguirà sino al termine dell’anno scolastico, poi da settembre la speranza è che si riesca ad andare oltre l’ormai consolidato schema di un affidamento sino a dicembre e poi l’altro sino a maggio. La Giunta sovrintesa dal sindaco Eligio Giardina ha stanziato, infatti, con apposita delibera le somme necessarie a garantire lo svolgimento della mensa scolastica, da questo momento sino al termine dell’anno per gli alunni delle scuole dell’infanzia di Taormina centro, Trappitello e Mazzeo.

Si tratta di uno stanziamento da 39 mila 564 euro, che servirà allo svolgimento delle attività di refezione scolastica per 120 alunni che frequentano i plessi di Taormina centro e delle frazioni, da questo mese di febbraio sino al 31 maggio 2018. In questo modo si è evitato che il servizio si interrompesse al 31 gennaio scorso, come si era temuto da parte delle famiglie.

“Il servizio mensa è essenziale e prioritario e dunque non ci sarà nessuno stop al servizio, ci siamo prontamente attivati ottemperando espressamente a quanto previsto dalla legge con la relativa spesa, regolata dall’art. 14 della legge 328 del 2000, che garantirà la mensa ai bambini. La proposta di stanziamento che abbiamo deliberato è immediatamente esecutiva, quindi non ci sarà alcun problema a far andare avanti con piena regolarità le attività della mensa nelle nostre scuole”, ha evidenziato l’assessore alla Pubblica Istruzione, Pina Raneri. Nelle scuole di Taormina, Trappitello e Mazzeo, le attività scolastiche a tempo pieno si svolgono dalle ore 8.30 alle ore 16.30 e in virtù di tale operario, l’Amministrazione si è dovuta attivare in oggetto all’obbligo di garantire il servizio di mensa scolastica per 70 giorni, con 120 pasti quotidiani. In tutto verranno garantiti 8400 pasti per un costo di 4,71 euro (Iva compresa).

© Riproduzione Riservata

Commenti