Parcheggio Lumbi di Taormina
il parcheggio Lumbi di Taormina

Dalle richieste verbali a quelle formali, la casa municipale prova a stringere i tempi per definire un’intesa con Rete Ferroviaria Italiana sul progetto della nuova stazione di Taormina e la Giunta del sindaco Eligio Giardina si è attivata per effettuare la trasmissione ufficiale immediata proprio agli uffici di Rfi degli elaborati riguardanti gli ascensori mai realizzati per il collegamento Lumbi-Fontana Vecchia. Si tratta cioè del progetto che a suo tempo aveva già ottenuto tutti i necessari pareri positivi per essere attuato ma che poi, come si sa, non è mai diventato realtà. L’opera, del costo di circa Un milione di euro, dovrebbe essere inserita adesso nell’ambito delle opere che le Ferrovie dello Stato realizzerebbero a partire dal 2020 per la futura stazione sotterranea nel piazzale della Madonnina. Nel calderone dei 2 miliardi e 400 milioni di euro che il Governo ha stanziato per il raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo finirebbe, in pratica, tra le opere complementari pure quella degli ascensori di collegamento tra il parcheggio Lumbi e il centro storico, come prosecuzione degli ascensori già previsti per collegare il piazzale della Madonnina con il Lumbi. Le due opere si incontrerebbero, in pratica, in via diretta all’interno del posteggio nord di Taormina.

Gli ascensori della futura stazione avrebbero tre uscite all’interno del Lumbi, al piano -2, al piano -1 ed al piano terra e da lì il trasporto per l’utenza proseguirebbe se verranno realizzati gli ascensori che portano in centro. E’ la soluzione che la Giunta ha chiesto ad Rfi e sulla quale una prima risposta è attesa ora in tempi brevi perchè quanto prima dovrà arrivare in Consiglio comunale il progetto della futura stazione e in aula ci sono diversi consiglieri che non hanno nascosto le loro perplessità su quanto dovrà essere votato. La questione passerà poi, per forza di cose, in mano alla prossima Amministrazione comunale che si insedierà a maggio, che avrà il compito di far completare la procedura.

Il Comune, a quanto pare, potrebbe anche assumere la gestione delle manutenzioni per quanto concerne alcuni servizi della nuova stazione e nello specifico proprio per il collegamento tra il Lumbi e la Madonnina. Rimane qualche perplessità a Taormina sul fatto che nel piazzale del Lumbi tra qualche anno potrebbero ritrovarsi al contempo i croceristi che sbarcano in città, l’utenza che arriverebbe dalla stazione Taormina-Madonnina, ed in più il flusso veicolare di chi sale e scende dalla vicina Via Garipoli (bretella A18). Un incrocio di persone e di mezzi veicolari che fa temere, in assenza di opportune soluzioni, un caos veicolare quotidiano potenzialmente in grado di paralizzare il versante nord di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti