manto stradale in pessime condizioni in Via Paladini

“Il Comune di Taormina si ricorda che esistiamo anche noi soltanto quando deve venire a farci multare se abbiamo le auto senza l’assicurazione in regola, mentre per tutto il resto possiamo vivere nel degrado totale e per loro non conta”. E’ l’amaro sfogo di un residente delle Case popolari di Trappitello che descrive in modo emblematico la situazione in cui vivono i residenti degli alloggi di proprietà dell’Iacp. Attorno alle abitazioni delle Case popolari regna infatti sovrano il degrado ma la casa municipale taorminese non sembra avere a cuore i problemi di questa zona.

All’ingresso del rione Paladini si può già notare un cancello che rischia di cadere da un momento all’altro, ma quel che si evidenzia sono soprattutto le buche che caratterizzano l’asfalto in più punti. Voragini sparse lungo il tracciato stradale, ed anche alberi con dei rami spezzati che rappresentano un ulteriore pericolo specialmente in concomitanza con delle giornate come quella della recente bufera che ha interessato il territorio di Taormina e l’hinterland. I cassonetti della spazzatura sono fatiscenti ed uno è persino bucato, e da lì si emanano odori nauseabondi. Cumuli di erbacce e spazzatura si trovano accatastati sui lati della strada. Uno scenario insomma indecoroso e inaccettabile, in un contesto abitativo nel quale urge ben altra presenza da parte del Comune e la gente del luogo paga le tasse e ha diritto a tutta un’altra considerazione.

Nelle Case Popolari vivono numerose famiglie e ci sono bambini, a tutti loro il Comune dovrebbe garantire decoro e arredo urbano, pulizia e strade asfaltate. Non servono risorse ingenti per migliorare la situazione, c’è bisogno di una maggiore sensibilità che poi non può arrivare magari soltanto nei periodi in cui si avvicinano le elezioni amministrative. L’aspettativa è che il Comune di Taormina possa concretamente attivarsi ed intervenire quanto prima per effettuare alcuni interventi con i quali poter migliorare la vivibilità ed il decoro, l’arredo urbano e la condizione delle strade di questa zona, nel rispetto dei residenti.

A Taormina si pensa tante volte e da troppi anni che il perimetro di Taormina stessa sia soltanto quello che va da Porta Catania a Porta Messina, e che il resto sia relativo. Ma nel contesto urbano di qualsiasi paese non devono in nessun caso esserci residenti di “serie A” o di “serie B” e le periferie meritano la giusta considerazione. Pari dignità anche per le periferie: non è un optional da riscoprire con il profumo delle urne, semmai un dovere istituzionale ineludibile verso la gente delle Case popolari e di qualsiasi altro rione cittadino.

© Riproduzione Riservata

Commenti