Daniele Lo Presti
Daniele Lo Presti, vicecomandante della Pm di Taormina

Minacce al Vicecomandante della Polizia locale di Taormina, Daniele Lo Presti. Una telefonata anonima è pervenuta, infatti, nei giorni scorsi al Comando Vigili Urbani di Taormina e sull’episodio è già scattata la denuncia con relativa segnalazione dell’episodio all’Autorità Giudiziaria. Lo Presti, in servizio a Taormina dal 1 settembre scorso dopo 10 anni trascorsi a Milano come vicecommissario della Polizia locale del capoluogo lombardo, in questi primi mesi di attività nella Perla dello Ionio ha effettuato diverse attività di controllo mirate in particolare al contrasto dei fenomeni dell’abusivismo e dell’ambulantato selvaggio, operando insieme ai colleghi anche diversi sequestri.

La telefonata al Comando. Adesso, a quanto risulta, sarebbe pervenuta una inquietante telefonata al Comando di Polizia locale nella quale un ignoto avrebbe chiesto di Lo Presti, con atteggiamenti volti nello specifico a conoscere i suoi spostamenti. L’ignoto ha poi chiuso la chiamata senza fornire le sue generalità. Il Comandante Agostino Pappalardo ha avviato tutti i relativi accertamenti del caso. E’ stato stato denunciato l’episodio con relativa segnalazione alle autorità competenti ed inoltre dell’atto intimidatorio nei confronti di Lo Presti sono stati già informato il sindaco Eligio Giardina ed anche l’assessore Salvo Cilona.

Le parole di Lo Presti. Interpellato sul fatto, Lo Presti fa sapere che “non intende piegarsi alle minacce”. “Non posso negare che qualcosa è successo – dichiara Lo Presti -, anche se per ovvi motivi non posso entrare nel merito dell’episodio. Tuttavia, rimango sereno perché vengo da un’esperienza decennale, nella Città di Milano, considerata la più violenta d’Italia, dove di episodi analoghi ne sono capitati a decine in virtù della mia attività operativa di contrasto alla microcriminalità. Per questo, di concerto con le altre Forze dell’Ordine, continueremo a contrastare qualsiasi fenomeno di illegalità presente sul nostro territorio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti