Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale
Antonio D'Aveni, presidente del Consiglio comunale

«Basta con le polemiche, è arrivato il momento di dare una svolta all’emergenza scuole e di sedersi tutti attorno ad un tavolo per affrontare le criticità. Per questo propongo ufficialmente l’istituzione di un tavolo tecnico tra le parti interessate». La proposta arriva dal presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni che interviene sulla questione sempre più spinosa dei plessi scolastici taorminesi, al centro di atavici problemi di agibilità e di diatribe sui finanziamenti per la messa a norma, e lancia un appello sia alla Giunta che alla dirigenza del Comprensivo 1 ed al Consiglio d’Istituto. «La preside ha diritto a partecipare alle manifestazioni afferma D’Aveni – e i genitori hanno ragione a protestare, a maggior ragione dopo tutta questa confusione. La verità è che i nodi sono venuti al pettine. Si è detto tutto e il contrario di tutto, bisogna ammetterlo, prendere atto e fare ordine in questa situazione a dir poco caotica».

La proposta di D’Aveni. «La mia proposta, dunque, è quella di avviare subito un tavolo tecnico permanente, alla presenza del sindaco e degli assessori, con il sottoscritto, un consigliere di maggioranza ed uno di opposizione, la dirigente ed i rappresentanti dei genitori. Mi attiverò in questa direzione, con la consapevolezza che sia questa la strada da percorrere e portare avanti per dare una risposta alle criticità in atto nei plessi scolastici della nostra città. Non possono e non devono nemmeno più esserci lettere che spuntano all’improvviso: i genitori vanno rassicurati e non illusi o disorientati. Per tutti questi motivi, serve un tavolo che si riunisca ogni 15 giorni e dove affrontare tutto quello che c’è da fare. Sinora i problemi non sono stati risolti ed è normale che a quel punto i genitori decidano di contestare».

Trasparenza sugli atti. «La documentazione sulle scuole va mostrata e deve essere visibile ai rappresentanti dei genitori per renderli partecipi di quello che si sta facendo», continua D’Aveni. Il presidente del Consiglio comunale si sofferma infine sul contratto d’affitto da sottoscrivere con le Suore Francescane, che consentirebbe il trasferimento delle scuole di Taormina centro nel complesso di proprietà dell’Istituto religioso: «Seguirò personalmente la definizione di questo iter, insieme ai colleghi consiglieri comunali. Lo ribadisco: è arrivato il momento di stringere i tempi affinché si arrivi a questo passaggio risolutivo che può sicuramente dare una maggiore serenità per dirimere le problematiche in atto nei vari plessi scolastici».

© Riproduzione Riservata

Commenti