Palazzo dei congressi Taormina
Palazzo dei congressi di Taormina - Foto di Fulvio Lo Giusdice ©2017 TaorminaToday

«Il bando europeo per la gestione del Palazzo dei Congressi sarà pronto entro il 15 dicembre e nei primi mesi del nuovo anno andrà in gara. Dal 2018 Taormina potrà finalmente usufruire di quella struttura per 12 mesi l’anno». Lo ha annunciato il sindaco Eligio Giardina che così preannuncia, dunque, l’ormai imminente svolta in vista nell’edificio di piazza Vittorio Emanuele che in questa fase finale dell’anno viene sottoesposta alla fase finale dei lavori a cura dell’Aeronautica Militare per il conseguimento della messa a norma e l’agibilità definitiva. I militari stanno completando un piano di interventi dotato di due finanziamenti dal Governo italiano, il primo dei quali era stato stanziato per 806 mila euro in occasione del G7 di maggio e poi il successivo invece per un importo di Un milione e mezzo di euro con le opere adesso in corso.

Il sopralluogo di Carpino. Nella settimana appena trascorsa un sopralluogo al Palazzo dei Congressi è stato compiuto dal Prefetto Riccardo Carpino, Commissario straordinario per le opere del G7, che ha constatato la bontà delle opere in atto e come l’edificio sta cambiando volto nella direzione un sensibile miglioramento complessivo. Se per il G7 dei sette grandi era stata eseguita una prima tranche di lavori che aveva portato al conseguimento dell’agibilità provvisoria in deroga, stavolta si va verso la risoluzione definitiva di problemi che si trascinavano irrisolti da ormai oltre 30 anni senza che nessuna Amministrazione in tutto questo arco di tempo sia mai riuscita a dare una funzionalità piena al Palazzo. La svolta sta così maturando finalmente in virtù dei lavori dell’Aeronautica, che sono stati supportati anche dai Vigili del Fuoco, sotto “l’occhio vigile” del Prefetto Carpino. La consegna della struttura al Comune di Taormina è prevista per il 3 gennaio, quando chiavi in mano inizierà in sostanza una nuova “era” per il Palacongressi.

Dodici mesi l’anno. «I lavori sono ormai vicini alla conclusione. La cosa importante – continua Giardina – è che il Palacongressi potrà essere operativo tutto l’anno e in attesa del completamento dei lavori da parte dell’Aeronautica è intanto quasi pronto il bando per la gestione, al quale stiamo lavorando per consentire un futuro a pieno regime per questa struttura strategica per la città. Ho dato mandato alla segretaria generale, dott.ssa Rossana Carrubba, di seguire personalmente gli aspetti riguardanti la predisposizione del bando e saremo pronti entro il 15 dicembre o comunque prima delle festività di fine anno». Nei prossimi mesi si dovrebbe quindi espletare il bando europeo per la gestione che dovrebbe prevedere un affidamento a privati per un periodo di 9 anni più altri 9, ed ovviamente prima che ciò avvenga ci dovrebbe anche essere un passaggio dell’iter in Consiglio comunale. «Il vero punto di svolta sarà rappresentato dal fatto che in questo modo, con una struttura funzionale e a norma, sarà possibile avere in città dei congressi per 12 mesi l’anno, rendendo possibile la destagionalizzazione nei mesi di bassa stagione in cui tradizionalmente l’economia locale soffre», aggiunge Giardina. Il Palacongressi, a detta di molti, potrebbe comunque anche essere sede di eventi culturali nei mesi invernali quando per ovvi motivi climatici non è possibile sfruttare il Teatro Antico e serve un’alternativa per ampliare l’offerta turistica.

© Riproduzione Riservata

Commenti