Cateno De Luca, Sicilia Vera
Cateno De Luca, Sicilia Vera

Revocati gli arresti domiciliari al deputato Cateno De Luca e a Carmelo Satta. Ad annunciare pubblicamente il provvedimento del Gip del Tribunale di Messina è stato proprio l’ex sindaco di Fiumedinisi e di Santa Teresa di Riva che era stato arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata ad una presunta truffa da Un milione 750 mila euro inerente il Caf Fenapi. De Luca era finito in manette l’8 novembre come anche Satta, 48 ore dopo l’esito delle elezioni Regionali che avevano visto il leader di Sicilia Vera primo degli eletti all’Ars nella lista Udc-Sicilia Vera nel Collegio di Messina. Va anche evidenziato che il giudice ha disposto la revoca dei domiciliari pure per Carmelo Satta, rappresentante legale nel Cda degli enti

De Luca al contrattacco. L’onorevole De Luca – di recente assolto “perché il fatto non sussiste” anche dalle accuse al processo per il cosiddetto “Sacco di Fiumedinisi” – si prende dunque la sua rivincita e “promette” a questo punto una lunga serie di azioni legali. De Luca torna, dunque, libero e l’annuncio lo ha dato lui stesso sulla sua pagina Facebook, interrompendo così anche il silenzio è relativo divieto di utilizzo dei social che gli era stato imposto in via ulteriormente restrittiva dal Gip. «È stato sconfessato tutto quello che è stato fatto contro di me. Non staremo adesso a capo chino, la mia battaglia continua e adesso insieme ai miei avvocati denunceremo tutti. Faremo una conferenza stampa e inizieremo di nuovo la nostra attività politica. Ringrazio tutti quelli che mi sono stati accanto in questo momento difficile. Adesso ho bisogno di due-tre giorni per riunirmi con i miei avvocati e poi denunceremo tutti».

© Riproduzione Riservata

Commenti