Gruppo Fratres
Gruppo Fratres di Letojanni

Un’altra giornata di sospensione non ferma il gruppo “Fratres” di Letojanni che domenica scorsa, 12 novembre, ha invitato i propri donatori ad una trasferta a Pasteria, frazione di Calatabiano, per dimostrare il loro costante impegno nell’affrontare l’emergenza sangue. Con un’autoemoteca proveniente da Gravina di Catania, in collaborazione con la “Fratres” di Calatabiano, sono state raccolte in tutto 15 sacche e 4 pre-donazioni. Sangue che, tuttavia, è destinato a soddisfare il fabbisogno di Catania e provincia, mettendo a serio rischio il fabbisogno della provincia messinese, che si vedrà costretta a richiederne a “pagamento” quando ne avrà bisogno. La determinazione della Presidentessa Micalizzi. «Ringrazio tutti i collaboratori della Fratres di Calatabiano per averci ospitato e per sostenerci nella nostra battaglia – afferma la presidente della Fratres Letojanni, Carmelina Micalizzi, – ringrazio anche i nostri donatori che hanno dato prova di grande sensibilità e disponibilità nel voler essere presenti e nel voler trasmettere il messaggio fondamentale: donare nonostante tutto». Il blocco dell’attività dell’Unità di raccolta fissa di via Monte Bianco, non ha scalfito la determinazione dei volontari che, con sacrifico e dedizione, continuano ad impegnarsi nonostante i limiti burocratici che stanno ostacolando il loro aiuto al malato bisognoso di terapia trasfusionale.

La nota di Sirna. Persiste, infatti, l’autosospensione del “primario” responsabile dell’associazione, Rosa Cavallaro, e della responsabile della gestione della qualità, Maria Caminiti, in seguito ad una nota da parte del direttore generale dell’Asp 5, Gaetano Sirna, che palesava un presunto “conflitto di interessi”. Le dipendenti dell’Asp entrerebbero in conflitto con il regolamento aziendale secondo cui non è possibile rendere prestazioni a favore di soggetti nei confronti dei quali l’Azienda svolge funzioni di controllo o di vigilanza ed avere rapporti commerciali. Conflitto che non dovrebbe sussistere, precisano i fratres di Letojanni, in quanto le attività svolte dalle due dipendenti sono puramente volontarie e gratuite. Gli stessi preannunciano una richiesta di chiarimenti urgenti all’Asp.

L’impegno dei volontari continua. I volontari dell’associazione Fratres Letojanni non si scoraggiano e continuano attivamente la loro missione per diffondere la cultura del dono attraverso attività di promozione: giorno 11 e 12 novembre, in occasione della festa di San Martino, erano presenti a Mongiuffi Melia con uno stand informativo. In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, organizzeranno una mostra fotografica ed un evento in collaborazione con FIDAPA. Tutto ciò in attesa di poter riprendere la loro attività di raccolta associativa nell’Unità già accreditata dall’assessorato alla salute della regione Sicilia.

© Riproduzione Riservata

Commenti