I giochi
I giochi "sradicati" nel 2015 e oggi completamente assenti dalla Villa comunale di Taormina

Potrebbero iniziare già ad inizio 2018, nel mese di gennaio, i lavori di maquillage della bambinopoli alla Villa comunale di Taormina, chiusa ormai da diversi anni e scelta dai cittadini taorminesi attraverso la recente procedura di “Democrazia partecipata”. Questa l’indicazione che filtra da Palazzo dei Giurati anche se la prudenza è tutta d’obbligo, all’ennesima potenza, quando si parla di lavori da parte del Comune di Taormina, lo insegnano d’altronde i ritardi e i rinvii verificatisi sulle scuole. La casa municipale, con apposito avviso, aveva proposto la realizzazione di un intervento sul territorio da scegliere tramite scelta proprio tra la sistemazione del parco giochi alla villa comunale, oppure delle opere per arredo urbano e verde pubblico o altrimenti il potenziamento del Wi-Fi. I taorminesi non hanno avuto dubbi nello scegliere in modo plebiscitario, per la quasi totalità, la bambinopoli.

Scelta unanime. I lavori al parco giochi del giardino pubblico sono stati indicati praticamente da quasi tutti coloro che hanno aderito all’iniziativa, ovvero un centinaio di residenti. Per effettuare questo intervento il Comune si avvarrà del 2% dei trasferimenti regionali con un importo che dovrebbe essere di poco inferiore ai 20 mila euro. Negli anni passati si erano mobilitate anche le associazioni locali e i cittadini per questa problematica, raccogliendo circa 5 mila euro, a fronte di un intervento che richiedeva costi per almeno 15 mila euro. Ora si è arrivati ad una prima svolta, in attesa che vengano concretamente avviati i lavori attesi e fortemente voluti dai taorminesi. La bambinipoli del Parco Giovanni Colonna Duca di Cesarò venne chiusa a suo tempo per la pericolosità del tratto in cui si trovava, e anche perché i giochi non erano a norma. Nei mesi scorsi, in occasione del G7 di fine maggio, è stata rimossa una limitrofa frana che nel settembre 2015 aveva inghiottito 22 metri di affaccio panoramico. Una volta sistemato il muretto, con il relativo impegno dell’Aeronautica Militare, ora quel tratto del parco è stato rimesso a nuovo ed è di nuovo fruibile, con la possibilità tramite questi fondi regionali di andare a sistemare la bambinopoli e acquistare e posizionare i nuovi giochi.

© Riproduzione Riservata

Commenti