Dopo la manifestazione di protesta che venerdì scorso ha visto scendere in piazza genitori e bambini insieme ad associazioni e semplici cittadini, la Giunta prova a rasserenare il clima sull’emergenza scuole e il vicesindaco Andrea Raneri spiega la situazione alle famiglie. «L’iter finalizzato all’esecuzione dei lavori dalle Suore – afferma Raneri – è iniziato tre mesi fa – afferma Raneri – e nessuno avrebbe voluto i ritardi, dovuti a problemi di strutturazione del bilancio. Le difficoltà che abbiamo avuto sono legate al fatto che il revisore unico dei conti si è dimesso e si è dovuto nominare un collegio adesso di tre componenti perdendo cosi 90 giorni di tempo. Manterremo gli impegni per trasferire gli alunni dalle Suore. Stiamo affrontando la situazione con impegno e su più fronti. Sulla “Ugo Foscolo” ho già protocollato una proposta di delibera affinché il responsabile dell’area finanziaria e quello dell’area tecnica possano fornire i pareri necessari per completare gli atti successivi previsti dalla normativa vigente e dalle leggi in materia. Nella stessa proposta ho chiesto che vengano effettuati gli accertamenti per consentirci di avere contezza sui risultati (ai fini dell’adeguamento sismico) che produrranno i lavori previsti dall’appalto già consegnato. Il contratto con le Suore Francescane lo potremo sottoscrivere non appena si avranno i pareri finanziari e si potranno impegnare le somme che comprendono l’affitto per 6 anni, come previsto dalla legge e dalle nuove norme sui bilanci comunale e quelle per i lavori di ristrutturazione. Il parere sarà convalidato all’approvazione del bilancio».

Il nuovo progetto per la Foscolo. «Circa le soluzioni sui lavori della “Ugo Foscolo” – continua Raneri -, il Comune non è in grado di affrontare la spesa occorrente per l’adeguamento sismico di tutta la struttura in quanto da una stima approssimativa da parte dei Tecnici Comunale sono necessari circa 2 milioni di euro. Pertanto l’Ufficio tecnico comunale sta predisponendo un progetto preliminare che prevede l’adeguamento sismico (serio) di tutto il plesso scolastico, da inserire nella nuova piattaforma Miur che ci consentirà di accedere al nuovo finanziamento».

Il caso Vittorino da Feltre. Infine la questione delle elementari da ristrutturare: «Sulla Vittorino da Feltre che la Regione ha inviato al Comune le schede che dovranno essere compilate entro dicembre 2017 affinché il progetto si possa inserire nel nuovo piano di finanziamento regionale che consentirà al nostro ente di mandare in gara e conseguentemente di effettuare i lavori».

© Riproduzione Riservata

Commenti