Torrente Santa Venera
torrente Santa Venera

Incombe il ritorno delle piogge e torna a far paura il torrente Santa Venera. A sollecitare la massima attenzione delle Amministrazioni comunali di Taormina e Castelmola sulla situazione di un torrente che in questi anni è diventato una sorta di “bomba ecologica” sono proprio i cittadini. «Abbiamo paura che accadano disastri ogni volta che piove anche solo per 10/15 minuti. Qualcuno ha pensato bene di mettere dei cartelli di “divieto di transito in caso di pioggia”, ma sarà per evitare di sistemare la strada o per non incorrere in responsabilità eccessive? La strada ogni anno frana lungo il torrente ma se franasse al passaggio di una delle nostre auto? Da quelle parti vivono bambini che ad esempio, vanno a scuola anche quando piove»: parole eloquenti da parte di un residente che rendono l’idea sull’apprensione che puntualmente si vive nella zona attorno al torrente. Il “Santa Venera” scorre tra Taormina (per l’esattezza all’altezza della cittadina di Trappitello) e Castelmola.

I precedenti. Già in passato, quando si sono verificate forti piogge e i conseguenti danni, poi diverse famiglie sono rimaste isolate a seguito delle piogge e costrette a rimanere in casa per qualche giorno. Alcuni lavori per regimentare il corso d’acqua sono stati finanziati dalla Regione su impegno dell’Amministrazione di Castelmola ma il timore è che il “Santa Venera” possa comunque esondare in caso di forti piogge. Per questo gli abitanti dei quartieri che si trovano in prossimità del torrente invitano i Comuni a mantenere alta la guardia sulla situazione, a salvaguardia della pubblica incolumità.

© Riproduzione Riservata

Commenti