Comune di Taormina

Via libera del Consiglio comunale alla ricognizione delle Partecipazioni possedute e delle Partecipazioni da alienare che riguardano la presenza del Comune di Taormina. Si tratta cioè di una ricognizione predisposta dalla Giunta comunale sulle società nelle quali il Comune di Taormina partecipa attualmente al capitale complessivo con delle proprie quote. L’atto esitato con 5 voti favorevoli, 5 astenuti e 1 contrari, partendo dall’approvazione del Piano di revisione straordinaria delle società pubbliche, determina che sussistono le motivazioni per l’alienazione delle seguenti partecipazioni: Messinambiente (quota dello 0,2%), per termine del rapporto contrattuale, Sviluppo Taormina Etna Srl, con una quota del 8,8%, Taormina Etna (società consortile) con una quota del 4.5% e la società Gal Valle Alcantara (società consortile) al 3,02%.

Le partecipazioni confermate. Rimane invece confermata la partecipazione del Comune di Taormina al Gal, Gruppo Azione Locale, “Peloritani, Terre del Mito e della Bellezza” (1,38%), e tra l’altro per questo Gal è stato anche già da tempo predisposto che nella dicitura del nome di questa società entri anche il nome di Taormina e cioè “Gal Taormina-Peloritani”. Al capolinea, intanto, in particolar modo la presenza in Messinambiente. Si tratta di una ratifica della presa di posizione del Comune di Taormina in oggetto alla società che sino al 30 settembre scorso ha gestito, da parecchi anni a questa parte, la raccolta rifiuti a Taormina e la cui prevista conclusione delle attività è coincisa in ambito locale con il passaggio di consegne del servizio alla Mosema, società a capitale pubblico di Mascalucia ora preposta sino al giugno 2018 ad occuparsi di questo ambito.

© Riproduzione Riservata

Commenti