I posti di blocco delle Forze dell'Ordine i giorni del G7 di maggio
I posti di blocco delle Forze dell'Ordine i giorni del G7 di maggio - Foto di Fulvio Lo Giudice ©2017 TaorminaToday

Si stringono i tempi nella preparazione del G7 delle Pari Opportunità a Taormina. La Prefettura di Messina ha, infatti, pubblicato l’avviso pubblico relativo alla procedura aperta per l’affidamento dei servizi alberghieri e di ristorazione del personale delle Forze di Polizia per il dispositivo di ordine e sicurezza pubblica a supporto dell’evento del 15 e 16 novembre. Le istanze di adesione alla procedura pubblica dovranno pervenire in Prefettura entro il 26 ottobre 2017. Come avvenne nel caso del G7 dello scorso 26 e 27 maggio, anche allora tenutosi a Taormina, si sta insomma predisponendo l’arrivo da altre zone d’Italia delle Forze di Polizia a supporto di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza che già operano quotidianamente nel territorio della Perla dello Ionio.

Il modello Taormina. Si punta a definire questo importante aspetto entro la fine di ottobre in modo da poter predisporre la dislocazione delle Forze di Polizia, i luoghi dove potranno essere ospitati e dove potranno ristorarsi nelle giornate di lavoro a Taormina, andando quindi a programmare anche le date in cui le forze saranno operative per garantire i servizi di sicurezza nella località sede della Ministeriale per le Pari Opportunità. Il recente G7 di maggio potrà rappresentare un momento importante per organizzare con altrettanta efficacia i servizi, facendo leva anche sulla preziosa esperienza di quei giorni in cui la macchina della sicurezza si è mostrata al mondo tanto impeccabile quando esemplare, dando vita a quello che è stato ribattezzato in seguito come il “modello Taormina”. I numeri non saranno quelli dello storico dispiegamento di forze registratosi a maggio, quando oltre 10 mila uomini dello Stato vennero dispiegati su Taormina blindando in modo impressionante tutte le zone della cittadina ionica: ma anche in questa occasione si tratterà comunque di un contingente ampio e qualificato che garantirà i massimi livelli di sicurezza nella capitale del turismo siciliano.

La presenza di Ivanka. Taormina si prepara, insomma, a tornare capitale della politica internazionale nella due giorni che tra poco meno di un mese vedrà riunirsi i sette ministri delle Pari Opportunità dei Paesi più industrializzati del mondo. E per l’occasione potrebbe arrivare anche Ivanka, la figlia del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, invitata al vertice taorminese dal Sottosegretario di Stato alle Pari Opportunità, Maria Elena Boschi. La riunione dei ministri si svolgerà al Palazzo dei Duchi di Santo Stefano. Il 25 ottobre si riuniranno a Taormina per fare il punto sull’evento il plenipotenziario Capo della Delegazione Italiana, Alessandro Modiano, il Prefetto di Messina, Francesca Ferrandino, ed il sindaco Eligio Giardina. I responsabili delle Forze dell’Ordine sul territorio, come detto, stanno già lavorando al piano di sicurezza da porre in essere in quei giorni.

© Riproduzione Riservata

Commenti