Alessandra Caltabiano, presidente della Quarta Commissione consiliare
Alessandra Caltabiano, presidente della Quarta Commissione consiliare

«L’assessore Carella mi ha comunicato che è sua ferma intenzione andare avanti nell’iter ma che deve prima parlare con la maggioranza per fare il punto della situazione. L’approvazione di un nuovo regolamento sui suoli pubblici è un fatto inderogabile, l’Amministrazione deve dimostrare di avere senso di responsabilità, non si può rimandare la questione in eterno». Il monito arriva dalla presidente della Quarta Commissione Consiliare, Alessandra Caltabiano, che così conferma la sua intenzione di far proseguire l’iter consiliare finalizzato a far arrivare in Consiglio comunale il nuovo testo per le concessioni degli spazi pubblici in città. Si tratta di una questione che interessa circa 600 operatori economici di Taormina, tra ristoranti, bar, pub, tavole calde, negozi ed attività varie. La capitale del turismo siciliano è alle prese con il problema ormai atavico di piazze, vicoli e stradine invase dalla presenza di tavolini, sedie ed altre attrezzature che rendono complicato (o in alcuni casi impossibile) persino il passaggio pedonale ai residenti e ai turisti. Ed in tutto ciò vi è una questione anche di ordine pubblico, dopo la rissa che si era verificata a fine agosto tra i ristoratori di due locali, quindi si parla cioè della necessità di trovare soluzioni in grado di scongiurare altri episodi di tensione tra le attività commerciali del paese.

Ennesimo stop. La discussione in sede di Commissione consiliare era iniziata, e si erano anche riunite la Quarta Commissione insieme alla Prima, ma poi l’argomento è stato rinviato e ora si teme che, l’approssimarsi non solo delle Regionali ma soprattutto delle Comunali 2018, possa portare ad un rinvio della riforma alla prossima legislatura. «Per quanto mi riguarda – afferma Caltabiano – non ci sono scuse che tengano, proseguirò la mia battaglia. Una città disordinata e caotica dove ognuno fa quello che vuole non mi sta bene e non mi starà bene mai. Non si può continuare a rinviare l’esame del nuovo regolamento per i suoli pubblici. L’assessore Carella mi rassicura che da parte sua c’è la volontà di andare avanti, ma qual’è la reale volontà dell’Amministrazione? La maggioranza è d’accordo nel voler fare arrivare il regolamento in aula e poi discuterlo e votarlo? L’interrogativo è legittimo e il dubbio è confermato dalla lunga sequenza di rinvii e slittamenti vari che continua a verificarsi».

© Riproduzione Riservata

Commenti