L'Assessore regionale ai Beni Culturali Aurora Notarianni
L'Assessore regionale ai Beni Culturali Aurora Notarianni

L’assessore regionale ai Beni culturali, Aurora Notarianni, con atto a propria firma, ha disposto l’annullamento in autotutela dell’atto con il quale il suo predecessore Carlo Vermiglio aveva disposto il 12 luglio scorso il commissariamento del Parco di Naxos. In quella data era stato deciso, in sostanza, lo scioglimento del Comitato Tecnico scientifico del Parco di Naxos, ente di cui fanno parte i Comuni di Taormina, Giardini e Francavilla di Sicilia ed i cui rispettivi tre sindaci componevano proprio il Comitato, e contestualmente si era determinata la nomina di un commissario straordinario. Il 13 ottobre scorso si sono registrate le «irrevocabili dimissioni dalla carica di commissario straordinario dell’avv. Nunziello Nastasi». Il Commissario aveva sin qui assunto e svolto i compiti del Comitato Tecnico Scientifico.

I ricorsi. Contro il commissariamento si erano mossi i Comuni. Il Comune di Taormina ed il Comune di Giardini Naxos avevano entrambi presentato ricorso al Tar di Palermo per chiedere la sospensione dell’efficacia del decreto regionale di nomina del commissario, contestando alcune violazioni di carattere normativo e procedurale. Anziché rinnovare il Comitato Scientifico il cui mandato era scaduto, «con la riconferma obbligatoria dei componenti di diritto – hanno contestato i Comuni -, l’assessore ha allora emanato il decreto di nomina del commissario». Con precedente decreto del 23 gennaio 2014 la Regione e sempre l’assessorato regionale ai Beni culturali aveva nominato componenti del Comitato Scientifico i tre sindaci dei Comuni componenti del Parco. Il Parco di Naxos, attualmente diretto dall’architetto Vera Greco, comprende beni come il Teatro Antico, Isolabella e Villa Caronia a Taormina e il Parco archeologico di Giardini Naxos. A questo punto, con l’avvenuto annullamento del commissariamento si va, quindi, verso il ripristino del Comitato scientifico con i sindaci dei tre Comuni.

© Riproduzione Riservata

Commenti