Nello Musumeci all'inaugurazione della sede di Ferdinando Croce
Nello Musumeci all'inaugurazione della sede di Ferdinando Croce a Messina

Nello Musumeci punta su un governo della Regione che, in caso di sua affermazione alle urne il 5 novembre, sia in grado di riaffermare l’autonomia siciliana: «A mio avviso – spiega il leader del centrodestra – l’Autonomia deve essere ripensata, finora è stata la foglia di fico per coprire le vergogne della classe dirigente», quanto alla fuga dei giovani ed alla continuità territoriale non ha dubbi: «I giovani mi fermano e si fanno i selfie, mi chiedono di aiutarli a non andar via. La Regione vede puntare sulle imprese, non sulla spesa pubblica. L’impresa crea lavoro. Chiederò un confronto con il governo nazionale e con l’Europa. Un volo da Catania a Milano e ritorno non può costare in certi casi fino a mille e 30 euro… Io sono contrario a tutti i monopoli, sono per la libera concorrenza».

«Non faccio promesse – aggiunge Musumeci – , vediamo cosa ha lasciato in cassa Crocetta, stanno raschiando il fondo del barile in queste ultime settimane. Contro la riforma delle ex Province ho portato avanti una battaglia solitaria, neanche voi dipendenti, neanche i sindacati hanno osteggiato la riforma fin quando si è capito che era troppo tardi. L’Ars ha fatto una cosa vergognosa. Hanno impiegato 4 anni per una riforma, sbagliata, e alla fine una pletora di deputati pentiti l’ha affossata in 2 ore….».

© Riproduzione Riservata

Commenti