Taormina, via Pirandello
Taormina, la voragine in via Pirandello

Il Comune prende atto dell’esito del sopralluogo avvenuto con la direzione dei lavori del G7 e con apposita delibera di Giunta stanzia d’urgenza i fondi per provvedere alla necessaria riparazione della voragine presente nella sede stradale di Via Pirandello, cioè la Sp10. La deliberazione dell’Esecutivo per una manutenzione straordinaria è stata effettuata su proposta dell’assessore al Territorio ed Ambiente, Gaetano Carella.

Il sopralluogo. «Nel verificare sul luogo lo stato della strada, si è constatata la presenza di un tratto di manto stradale danneggiato dovuto ad un cattivo funzionamento della condotta fognaria sottostante. Si prende atto che i danni del tratto di pavimentazione stradale della Sp10 non sono imputabili ai lavori eseguiti dall’impresa nel corso dell’appalto in oggetto»: questo era stato il risultato dell’accertamento di recente effettuato in zona dal Comune, alla presenza della direzione dei lavori che vennero eseguiti la scorsa primavera per asfaltare la strada provinciale in vista del G7 del 26 e 27 maggio. Un acquazzone estivo avvenuto a luglio ha fatto saltare un ampio tratto di manto stradale e il Comune aveva puntato l’indice all’indirizzo della ditta che aveva eseguito le opere ma la casa municipale ha dovuto prende atto che le responsabilità sono invece proprio del Comune. «A seguito di eventi atmosferici – spiega adesso il Comune – si è verificato un danno alla conduttura della rete fognaria che ha danneggiato una consistente porzione di sede stradale che deve essere urgentemente riparata».

Il problema della condotta. Il Comune ha così stimato il costo della manutenzione in 8 mila 100 euro con provvedimento della Giunta che dispone l’apposito stanziamento finanziario per le opere. Una condotta idrica presente in zona «costituisce un grave pericolo per la sicurezza e stabilità del versante, trovandosi il rubinetto di erogazione dell’acqua a ridosso del corpo di frana». Prima di asfaltare nuovamente il tratto di strada che da luglio ormai è transennato, si andrà adesso ad eliminare la condotta idrica che rappresenta un danno in zona e la raccolta delle acque verrà convogliata in altro modo per non pregiudicare nuovamente lo stato del tracciato. I tempi per la realizzazione dei lavori saranno stretti sia perché incombono nuove piogge che potrebbero peggiore la situazione ed anche perché il 15 e 16 novembre Taormina ospiterà il G7 per le Pari Opportunità, quindi tutto dovrà essere sistemato in vista di quell’appuntamento.

© Riproduzione Riservata

Commenti