Palazzo Corvaja
Palazzo Corvaja

Palazzo Corvaja, Badia Vecchia, Palazzo dei Congressi, Palazzo dei Duchi di Santo Stefano, ex Chiesa del Carmine, Casa Grandmont, ex Chiesa-Convento di Sant’Agostino: sono soltanto alcuni degli immobili di interesse storico-artistico che appartengono al patrimonio del Comune di Taormina. Il loro uso per eventi e manifestazioni culturali passerà presto da un regolamento. «L’iter va avanti – afferma il vicesindaco e assessore al Patrimonio, Andrea Raneri – Il regolamento che disciplina la concessione dei palazzi storici di proprietà dell’ente locale è stato inserito tra i punti all’ordine del giorno della prossima seduta di consiglio comunale».

Il regolamento. L’uso temporaneo degli immobili comunali da parte di terzi, per mostre o manifestazioni di carattere culturale, è avvenuto nel tempo in assenza dei necessari provvedimenti amministrativi di concessione, determinando non poche criticità. «Si mette finalmente fine alla discrezionalità – evidenzia Raneri – la gestione degli immobili comunali avverrà nel rispetto del principio di imparzialità e della parità di trattamento. Il regolamento è già stato portato in consiglio comunale. Dopo gli emendamenti dell’opposizione doveva essere discusso nell’ultima seduta di consiglio comunale, ma per questioni di tempo e priorità è slittato alla prossima riunione dell’assemblea cittadina e dovrebbe essere trattato come primo punto all’ordine del giorno».

Cosa cambia. «Il Comune di Taormina – sottolinea l’assessore al Patrimonio – ha finalmente la possibilità di fare cassa mettendo a frutto i propri immobili e palazzi storici. Qui potranno essere realizzate mostre ed eventi culturali come in passato ma dietro un compenso che verrà fissato dal regolamento». I beni di proprietà del Comune non verranno, quindi, più concessi gratuitamente. «Il regolamento stabilirà le tariffe che devono essere corrisposte a Palazzo dei Giurati per l’uso degli immobili di proprietà dell’ente locale tranne per gli eventi patrocinati dal Comune, ma anche in questi casi si seguiranno norme ben precise indicate nel regolamento».

© Riproduzione Riservata

Commenti