Apponeva un sofisticato congegno su uno sportello bancario per captare i codici delle tessere bancomat e poi clonarle: questa l’attività scoperta dai poliziotti del Commissariato della Polizia di Stato di Taormina conclusasi nelle scorse ore con l’arresto di un cittadino bulgaro. Stavolta però il malvivente è finito nella rete delle Forze dell’Ordine. L’arrestato è Zhelyazkov Dragomir, quarant’anni, colto in flagranza di reato dagli operatori di polizia grazie ad un’attività di appostamento.

Rito direttissimo. Zhelyazkov si era avvicinato allo sportello con fare sospetto e una volta prelevato il congegno è stato prontamente bloccato dai poliziotti. Gli agenti della Polizia hanno quindi effettuato la perquisizione del suo alloggio e all’interno insieme ad un computer ed ad uno smartphone venivano trovate complesse apparecchiature elettroniche verosimilmente legate all’attività illecita messa in atto dal predetto. Per lui è stato previsto giudizio con rito direttissimo dall’Autorità Giudiziaria competente, prontamente informata dell’accaduto.

© Riproduzione Riservata

Commenti