Andrea Raneri, il vicesindaco di Taormina
Andrea Raneri, il vicesindaco di Taormina

Si intensificano i contatti tra il Comune di Taormina e le Suore Francescane Missionarie di Maria per chiudere l’intesa necessaria alla stipula del contratto di affitto della sede dell’Istituto religioso e per i successivi lavori finalizzati alla collocazione in questo edificio delle scuole del Comprensivo 1. «Abbiamo avuto disponibilità dalle Suore per poter disporre di ulteriori spazi – rende noto il vicesindaco Andrea Raneri – per disporre di un altro piano in cui si potranno realizzare ulteriori 3 aule, quindi ciò consentirà di poter allestire le 18 complessive che occorrono per le scuole elementari e per le medie. Basteranno per tutti gli studenti: resteranno invece siti alla “Ugo Foscolo” solo la segreteria e l’ufficio della direzione scolastica. Stiamo facendo un conteggio della spesa che occorrerà per i lavori da fare al più presto. Dovremo rifare, in particolare, l’impianto elettrico, e ci sono cinque toilette in più da fare ex novo. Siamo partiti da una stima di circa 90 mila euro (che inizialmente era anche partita, a quanto risulta, a quota 140 mila euro – ndr) ma è possibile che si possa anche impiegare qualcosa in meno, pur facendo bene tutto quello che è necessario porre in essere. È pensabile, d’altronde, che il piano di interventi si possa scalettare in termini pluriennali. Siamo convinti, ad ogni modo, che i lavori più immediati si possono realizzare in 60 giorni ed essere pronti a dicembre per consentire l’ingresso delle scuole nell’immobile delle Suore a ridosso delle festività natalizie, o al massimo anche a gennaio. Martedì avremo un nuovo colloquio telefonico per portare avanti tutti i discorsi in atto con i vertici delle Suore».

Risposta alle famiglie. Raneri si è anche soffermato sulle perplessità e i malumori delle famiglie, che protestano per una situazione che – così ha dichiarato la rappresentante d’istituto del Comprensivo 1 – «è la stessa di 6 mesi fa, con il Comune che non ha niente in mano». «Capisco le preoccupazioni ma le novità ci sono eccome: intanto è stata inviata a Palermo apposita istanza sulla scuola media “Foscolo”, per post-datare la data di scadenza attuale entro cui andrebbero eseguiti e rendicontati i lavori di messa a norme di quell’edificio, per portarla cioè dal 31 dicembre 2017 ad un anno esatto dopo, ovvero al 31 dicembre 2018. Altra novità importante concerne la scuola elementare “Vittorino da Feltre”, chiusa dal 2004. Il finanziamento da Un milione e mezzo che era stato intercettato dal Comune, potrebbe essere recuperato. Ci è stato comunicato dalla Regione che ci sono 11 progetti di 11 comuni che non sono stati ancora revocati e potrebbero rientrare in un apposito fondo di 30 milioni di euro».

Il contratto. Il vicesindaco Raneri ha anche aggiornato la situazione dell’immobile delle Suore Francescane sui termini del contratto di affitto da stipulare tra le parti: «Ci chiedono in città e soprattutto i genitori quando verrà firmato il contratto e io credo che potrà avvenire entro fine mese, accelerando di conseguenza i tempi per cominciare i lavori. Sarà un affitto da 2+2, un contratto di quattro anni, da 5 mila euro al mese ma con un affitto di mille euro al mese per i primi due anni in modo da consentire al Comune di poter effettuare in modo più tranquillo, in termini di oneri finanziari, i lavori di sistemazione dell’edificio. Stiamo anche lavorando, in prospettiva, alla proposta di acquisto del bene e le Suore ci hanno chiesto di fare una valutazione mediante l’Agenzia del Territorio. Ad oggi non abbiamo l’esatta valutazione dell’immobile ma contiamo di disporne al più presto».

© Riproduzione Riservata

Commenti