Maria Elena boschi e Ivanka Trump
La Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi a Villa Taverna (Roma) con Ivanka Trump, figlia del Presidente degli Stati Uniti - 24 maggio 2017

Ivanka Trump potrebbe prendere parte al G7 delle Pari Opportunità del 15 e 16 novembre a Taormina. La figlia del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sarebbe infatti intenzionata ad accogliere l’invito della Sottosegretaria di Stato, Maria Elena Boschi, che già nel corso di un incontro svoltosi lo scorso aprile a Roma le aveva proposto di partecipare alla Ministeriale che concluderà l’anno italiano di presidenza del G7. La 35 enne “first daughter” della Casa Bianca sarebbe parte integrante dell’evento e simbolicamente la “madrina”. Dopo la presenza di Donald Trump al G7 dello scorso 26 e 27 maggio, stavolta è la figlia che pare destinata ad essere la protagonista del secondo appuntamento con i grandi del pianeta nella Perla dello Ionio, con la ministeriale che segnerà il passaggio del testimone dall’Italia al Canada (La Malbaie in Québec) per il 2018. I temi di cui si parlerà in autunno alla ministeriale nella Perla dello Ionio sono quelli, in sostanza, della necessità di promuovere le politiche per la parità di genere, ed inoltre verranno affrontate questioni come la tratta degli esseri umani e la violenza sulle donne.

Boschi a Taormina. Dopo i sopralluoghi effettuati in questi giorni in città dal Capo della Delegazione Italia, il plenipotenziario Alessandro Modiano, nelle prossime settimane potrebbe arrivare a Taormina anche Maria Elena Boschi. La Sottosegretaria di Stato, che nei mesi passati ha seguito da vicino l’iter del G7 di maggio, vuole fare altrettanto anche per la Ministeriale di novembre proprio da lei proposta a suo tempo al Governo e che adesso è diventata realtà.

Concerto per il G7. Nella serata del 15 novembre dovrebbe svolgersi un concerto in omaggio ai sette ministri delle Pari Opportunità che raggiungeranno Taormina e alle delegazioni di Governo dei 7 Paesi e per questo evento si è già fatto avanti ufficialmente il Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina, che ha dato disponibilità ufficiale con apposita lettera inviata a Palazzo Chigi.

© Riproduzione Riservata

Commenti