Taormina vista dalla Madonna Rocca
Taormina vista dalla Madonna Rocca

Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, a due mesi dalla conclusione del suo mandato “sposa” il progetto della Borsa Internazionale del Turismo a Taormina. Il Governatore ormai uscente ha chiamato nelle scorse ore il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, convocandolo per una riunione a Palermo con argomento all’ordine del giorno proprio l’istituzione della Bit di Taormina. Secondo Crocetta vi sarebbe la possibilità di dotare l’evento dei fondi necessari con un impegno finanziario da parte della Giunta regionale, e l’imminenza delle elezioni insomma a detta del Governatore non rappresenterebbe un impedimento. La somma che potrebbe essere stanziata da Palermo ammonterebbe a circa 100 mila euro. In verità il forte timore a Taormina è che possa ripetersi quanto accaduto per l’Expo G7 quando cioè in vista del summit dei Sette grandi, Crocetta aveva prospettato e preannunciato in “pompa magna” l’organizzazione di una esposizione del made in Sicily poi “naufragata” nel nulla. A due mesi dalle Regionali il Governo ormai uscente potrà prendere realmente impegni concreti? Il dubbio è più che d’obbligo.

Si può fare. «Crocetta mi ha contattato e ritiene che la cosa non andrà come l’Expo e che la Regione è intenzionata a puntare sulla Bit di Taormina – afferma il sindaco Giardina -. A mio avviso è una grande idea dell’assessore Salvo Cilona, che ha messo sul campo un progetto fattibile e realizzabile, in grado di dare ancora una volta lustro alla nostra città. E come tutte le belle cose anche questa iniziativa sono convinto che avrà un successo e un seguito, dalla prima edizione sino poi alle prossime. Siamo fiduciosi che si possa realizzare, ora aspettiamo di capire meglio l’impegno che potrà garantire la Regione».

Cilona a Roma. L’assessore al Turismo si è recato nelle scorse ore a Roma, presso la sede dell’Enit per incontrare i vertici dell’Ente Nazionale per il Turismo. Al faccia a faccia hanno preso parte anche i rappresentanti della Eurofiere di Messina, che si sono proposti per l’organizzazione dell’evento. Stando a quanto emerso Enit vedrebbe positivamente l’opportunità che venga istituita la Bit di Taormina. Anche San Vito lo Capo si era candidata, a quando pare, per ospitare la manifestazione ma la maggiore attrattiva di Taormina ha avuto la meglio. In attesa della definizione dei dettagli economici e delle date che dovrebbero essere collocate nel mese di febbraio, è intanto confermato che la Bit di Taormina avrà come location di riferimento il parcheggio Lumbi, che ospita tradizionalmente importanti fiere, e dove verrà allestito l’evento, ed anche il Palacongressi che per l’occasione dovrebbe essere definitivamente pronto e dotato di agibilità definitiva

© Riproduzione Riservata

Commenti