«La sfida sarà tra noi e il centrodestra. Noi proponiamo alla gente un volto nuovo e credibile, che vuole cambiare la Sicilia. Dall’altra parte ci sono Nello Musumeci e Gianfranco Miccichè». Lo ha dichiarato il segretario regionale del Partito Democratico, Fausto Raciti, a Taormina per la presentazione della candidatura di Fabrizio Micari al Governo della Regione. «La scelta che abbiamo fatto è frutto di un percorso che non è stato semplice ma certamente ponderato e sul quale c’è stato un ampio ragionamento politico e si è arrivati ad una convergenza su una figura autorevole come quella di Micari – ha evidenziato Raciti -. Adesso la scelta che dovranno fare i siciliani sarà tra noi, e quindi Micari, da una parte e dall’altra invece il centrodestra di Miccichè e del 61-0 che non ha risolto nessun problema della Sicilia e dei siciliani e che certamente tutto si può dire tranne che rappresenti un progetto politico nuovo. Micari è la figura giusta per il rilancio della nostra terra».

Sondaggi inattendibili. «I sondaggi? Non gli diamo alcun peso – aggiunge Raciti -, non ci preoccupano in nessun modo, non rappresentano un dato attendibile. La campagna elettorale inizia qui e la partita è assolutamente aperta, e come detto sarà un duello tra Micari e il candidato del centrodestra. Non c’è nessuna rimonta da fare. Noi abbiamo vinto le elezioni del 2012 e puntiamo a rivincere anche questa tornata elettorale», ha aggiunto Raciti.

© Riproduzione Riservata

Commenti